Kerry e Obama schiaffo a Israele

collaborazione partenariato [ deposito: BARI, Ceglie del Campo 70129 ]
POSIZIONE CENTRALE: rivestito in travertino, ( potenzialità in ex
opificio industriale autonomo multiruolo, vigilato, magazziniere,
logistica, uffici, consegne a domicilio, rappresentanza farmaceutici,
Trasporti, Mansione: Magazzino, Gestione Materiali, Ufficio, controllo
forniture: Addetto risorse umane validate in loco.)
vicino circonvallazione e Aeroporto di Palese, Prezzo: 700 € Tipo
locale/attività: qualsiasi. Quartiere: Carbonara/Ceglie/Loseto.
DESCRIZIONE: 300 mq (rialzato, piano terra), più 300 mq di deposito
seminterrato
1. con totali 600 mq (300+300) 3 locali, 1 bagno, 3 superfici, prospiciente su 3 strade,
2. 2 nastri trasportatori, 2 colonne montanti, 2 canne fumarie, 2
montacarichi a lastrico solare, 2 celle freezer, per la 380v ecc.. 3.
vigilato 24 ore su 24, solaio industriale 50 ql mq, locale altezza 4
metri,
4. a circa, 1km dalla circonvallazione di Bari, servizi igienici a norma commerciali: bagno e antibagno: pedaliera,
5. bagno a norma con pedaliera, OFFERTA DI TUTORAGGIO, vigilanza 24/24, risorse umane, in loco
6. serrande elettriche industriali, accesso per un furgone 7pedane,
accumulo acqua: 1000 litri con autoclave. ampio spiazzale libero a circa 200 metri dove sono disponibili più di 300 posti auto gratuiti. localizzazione:
VIA TRIESTE 18, 2). VIA DEI MILLE 4, 3). Via PADRE GARRUCCI, Lorenzo
3205708054 (ORE POMERIDIANE): lorenzo_scarola@fastwebnet.it
==================
1/2 ] no! è tutto mio! io sono il Padrone di Israele Palestina e Gerusalemme, soltanto io! WATCH and ACT: but Jerusalem is the eternal capital of the Jewish People? people slaves Rothschild seigniorage banking? no this is no be: the Jewish People!!! this is Satana!!! NOT could exist a Masons's Jerusalem.. Jerusalem and,, the Jewish Temple, and Israel itself may be only a Kingdom and, in fact are the property of RE: King ] NON potrebbe mai esistere una Gerusalemme di massoni, Gerusalemme ed il Tempio Ebraico, e lo stesso ISraele possono essere soltanto un Regno ed infatti sono proprietà del RE [ It is urgent that you contact your elected officials immediately to prevent any further damage to Israel! Click here to contact your congressman: http://www.house.gov/representatives/find/ Defend Jewish Sovereignty Over Jerusalem! Make your voices heard in defense of Jerusalem, the eternal capital of the Jewish State of Israel. Defend the truth! Despite Israel’s legitimate claims to eastern Jerusalem, Judea and Samaria, based on overwhelming historical and archaeological evidence, the United Nations Security Council passed an anti-Israel resolution in December saying Jewish communities in these areas have no legal validity. To understand the absurdity of the resolution, it’s important to realize that the ancient Mount of Olives cemetery, for example, located in eastern Jerusalem, is the oldest and most revered Jewish cemetery in the world. The Temple Mount – Judaism’s holiest site – and the Western Wall are also in eastern Jerusalem, which the resolution refers to as “occupied Palestinian territory.” This video shows exactly who the Obama administration ludicrously refers to as “illegal settlers.” After you watch, read below to contact your elected officials! OROLOGIO e ACT: difendere la sovranità ebraica su Gerusalemme! Fai la tua voce in difesa di Gerusalemme, capitale eterna dello Stato ebraico di Israele. Difendere la verità! Nonostante le legittime rivendicazioni di Israele a Gerusalemme est, Giudea e Samaria, sulla base di testimonianze storiche e archeologiche schiacciante, il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha approvato una risoluzione anti-Israele nel mese di dicembre dicendo comunità ebraiche in queste aree non hanno alcuna validità legale. Per capire l'assurdità della risoluzione, è importante rendersi conto che l'antico Monte degli Ulivi cimitero, per esempio, che si trova a Gerusalemme Est, è la più antica e più venerato cimitero ebraico nel mondo. Il Monte del Tempio - luogo più sacro dell'ebraismo - e il Muro Occidentale sono anche a Gerusalemme Est, che la risoluzione si riferisce a come "territorio palestinese occupato."
Questo video mostra esattamente che l'amministrazione Obama si riferisce ridicolmente come "coloni illegali". Dopo si guarda, leggete qui sotto per contattare i funzionari eletti!

2/2 ] no! è tutto mio! io sono il Padrone di Israele Palestina e Gerusalemme, soltanto io! but Jerusalem is the eternal capital of the Jewish People? people slaves Rothschild seigniorage banking? no this is no be: the Jewish People!!! this is Satana!!! NOT could exist a Masons's Jerusalem.. Jerusalem and, the Jewish Temple, and Israel itself may be only a Kingdom and, in fact are the property of RE: King ] NON potrebbe mai esistere una Gerusalemme di massoni, Gerusalemme ed il Tempio Ebraico, e lo stesso ISraele possono essere soltanto un Regno ed infatti sono proprietà del RE [ It is urgent that you contact your elected officials immediately to prevent any further damage to Israel! Click here to contact your congressman: http://www.house.gov/representatives/find/ Click here to contact your senator: http://www.senate.gov/senators/contact/ Sign the Declaration to Keep Jerusalem United. Ramadan Shalah sings Jerusalem Song Jerusalem Must Remain the United Capital of Israel.
I declare that Jerusalem is the eternal capital of the Jewish People and support all efforts to maintain and strengthen a united Jerusalem as the undivided capital of the State of Israel. CLICK HERE TO SIGN THE JERUSALEM DECLARATION.
https://www.youtube.com/user/stopyouporntubesatan/discussion

====================
JHWH: You ARE: alleluia I AM JHWH HOLY ( holy holy holy: giustizia infinita e legge del taglione)
===================================================
return on investment
Living Torah: There’s One ‘Return on Investment’ that’s Eternal! There is one investment with rewards that extend far beyond a person’s lifespan. We learn about it in this week’s Torah portion.
This week’s Torah portion is Vayechi (Genesis 47:28 – 50:26), and in it we read that Jacob calls for Joseph before he is about to die, and beseeches his beloved son, “Please do not bury me in Egypt.” He made Joseph take an oath that he will bring his body back to the Land of Israel, and not bury him in Egypt.
Jacob calls fulfillment of his request one of “kindness and truth.” The famous commentator, Rashi, explains that when we perform an act of kindness for a deceased person or we fulfill his or her wishes after death, it is considered to be “a true kindness.” This is because there can be no reward for the kindness from a person who has died.
In contrast, when we do a favor for a living person, even if we are sincere, there is always that possibility of reward, reciprocation or recognition in the back of our minds. There is usually some form of self-interest involved. But, as mentioned, doing a favor for one who is deceased who cannot return the kindness or even say “thank you” is an act of “true kindness” – there can be no ulterior motives.
Yet the issue is more complicated. First of all, we find – earlier in the Torah – that the term “true kindness” is used in reference to performing a favor for a living person. So how can Rashi say that the term “true kindness” refers exclusively to a kindness performed for a deceased person? Furthermore, are favors performed for living people always agenda driven?
Therefore, other commentators suggest that perhaps Rashi’s teaching should be understood differently. When Rashi says that performing a kindness for the dead is “true kindness” because the person “does not anticipate reward,” Rashi actually means that the deceased does not anticipate reward.

We mistakenly believe that one can earn merits only through the performance of mitzvot (Torah commandments) when alive. However, a person can gain reward for the performance of mitzvot even after death – through the mitzvot performed by one’s children. When the deceased’s children perform mitzvot, the parent is rewarded as well. This is because without the education given by the parents, children would not know anything about performing the mitzvot. Parents are credited for their children’s Torah education.! It follows, therefore, that a parent earns eternal reward when his or her children act properly.

Now we can better understand Rashi’s comments regarding “true kindness.” Jacob requested of his son, “Do not bury me in Egypt,” not only literally, but also, as if to say, “Do not allow my way of life to end when I die in Egypt.” Jacob wanted Joseph to continue living as a Jew, just as he taught him to do, so that he [Jacob] would continue earning merit even after death, Jacob did not want to be “buried” in Egypt; he wanted to keep “living” through the performance of the mitzvot of his children.

Here lies a very important message to parents. Investing in our children’s Torah education is an investment that will continue paying the benefits long after we leave this world. By inspiring, teaching and directing our children to live a life of Torah and mitzvot, we ensure our own merits in both this world and the next.

ritorno sugli investimenti
Vivere Torah: C'è un 'Return on Investment' che è eterno! C'è un investimento con premi che vanno ben oltre la durata della vita di una persona. Impariamo a questo proposito in questa settimana porzione di Torah.
Questa settimana porzione di Torah è Vayechi (Genesi 47:28 - 50:26), e in essa si legge che Jacob chiede Joseph prima che sta per morire, e implora il suo amato figlio, "Per favore, non mi seppellire in Egitto." ha fatto Joseph giurare che porterà il suo corpo di nuovo alla Terra d'Israele, e non seppellirlo in Egitto.
Jacob chiama compimento della sua richiesta di una delle "bontà e verità". Il famoso commentatore, Rashi, spiega che quando eseguiamo un atto di gentilezza per una persona deceduta o compiamo la sua volontà dopo la morte, è considerato "un vera gentilezza. "Questo è perché non ci può essere alcuna ricompensa per la gentilezza da una persona che è morto.
Al contrario, quando facciamo un favore a una persona che vive, anche se siamo sinceri, c'è sempre quella possibilità di ricompensa, reciprocità e riconoscimento nella parte posteriore della nostra mente. Di solito c'è una qualche forma di interesse personale coinvolto. Ma, come detto, facendo un favore per colui che è morto che non può restituire la gentilezza o anche dire "grazie" è un atto di "vera gentilezza" - non ci possono essere secondi fini.
Eppure, la questione è più complicata. Prima di tutto, troviamo - in precedenza nella Torah - che il termine "vera gentilezza" è usato in riferimento ad eseguire un favore a una persona vivente. Così come si può Rashi dire che il termine "vera gentilezza" si riferisce esclusivamente ad una gentilezza eseguita per un defunto? Inoltre, sono favori eseguiti per le persone che vivono sempre agenda guidato?
Pertanto, altri commentatori suggeriscono che forse l'insegnamento di Rashi va inteso in modo diverso. Quando Rashi dice che l'esecuzione di una gentilezza per i morti è "vera gentilezza", perché la persona "non anticipa ricompensa", Rashi significa in realtà che il defunto non anticipa ricompensa.

Ci credono erroneamente che si può guadagnare meriti solo attraverso l'esecuzione di mitzvot (comandamenti della Torah) da vivo. Tuttavia, una persona può guadagnare ricompensa per le prestazioni di mitzvot anche dopo la morte - attraverso il mitzvot eseguita da propri figli. Quando i bambini del defunto eseguire mitzvot, il genitore viene premiata pure. Questo perché senza l'educazione impartita dai genitori, i bambini non avrebbero saputo nulla circa l'esecuzione del mitzvot. I genitori sono accreditati per l'istruzione dei propri figli Torah.! Ne consegue, quindi, che un genitore guadagna ricompensa eterna quando i suoi figli si comportano in modo corretto.

Ora siamo in grado di capire meglio i commenti di Rashi in materia di "vera gentilezza." Jacob richiesta del figlio, «Non mi seppellire in Egitto," non solo alla lettera, ma anche, come per dire: "Non permettere che il mio modo di vivere alla fine quando morirò in Egitto. "Jacob ha voluto Joseph di continuare a vivere come un Ebreo, proprio come gli ha insegnato a fare, in modo che egli [Jacob] avrebbe continuato a guadagnare degno anche dopo la morte, Giacobbe non voleva essere" sepolto "in Egitto ; ha voluto mantenere "vivere" attraverso le prestazioni della mitzvot dei suoi figli.

Qui si trova un messaggio molto importante per i genitori. Investire nell'istruzione Torah dei nostri figli è un investimento che continuare a pagare i benefici a lungo dopo aver lasciato questo mondo. Ispirando, l'insegnamento e dirigere i nostri figli a vivere una vita di Torah e mitzvot, possiamo garantire ai nostri propri meriti sia in questo mondo e nell'altro.

By: Rabbi Ari Enkin, Rabbinic Director, United with Israel

For more insights by Rabbi Enkin on this week’s Torah portion, click on the links below.

https://unitedwithisrael.org/living-torah-a-kindness-of-truth/

https://unitedwithisrael.org/living-torah-stay-focused/

https://unitedwithisrael.org/living-torah-sometimes-we-should-just-give-in/

https://unitedwithisrael.org/living-torah-a-nation-of-lions/

https://unitedwithisrael.org/the-blessing-of-the-smile/

https://unitedwithisrael.org/death-or-life/

==============================


Vatican Abbas Abbas Tells Pope Jerusalem is ‘Capital of Palestine’ Print Email 6 Comments Jan 15, 2017 Related: 1967 six day war Abbas Holy Temple Pope Francis Vatican western wall. While the Vatican stressed the holiness of Jerusalem to “believers of all three Abrahamic religions,” Abbas referred to it as “the capital of Palestine.” Palestinian Authority (PA) head Mahmoud Abbas met on Saturday with Pope Francis at the Vatican, where he inaugurated the Palestinian embassy to the Holy See. It was their third meeting. The Vatican stressed the sanctity of Jerusalem to Jews, Christians and Muslims. Abbas said during the 23-minute meeting that he had only heard through news reports of the proposal by President-elect Donald Trump to move the US embassy to Jerusalem. The Palestinians strongly oppose the embassy move, claiming it would kill any hopes for negotiating an Israeli-Palestinian peace agreement and rile the region by undercutting Muslim claims to the holy city. “We hope that this news is not true, because it is not encouraging and will disrupt and hinder the peace process,” he said. In its communiqué after the meeting with Abbas, the Holy See did not refer to Jerusalem by name, but said that during the talks, “emphasis was placed on the importance of safeguarding the sanctity of the holy places for believers of all three of the Abrahamic religions.” Abbas referred to Jerusalem as “the capital of the State of Palestine,” adding that he and Francis “reaffirmed the importance of the city for the three monotheistic religions and our support for Jerusalem being an open city.” Freedom of Worship Under Israeli Sovereignty In fact, under Jordanian control of the Old City from 1948 to 1967, Israeli-Arab Muslims were denied access to the Islamic sites of Al-Aqsa Mosque and the Dome of the Rock. Similarly, while Christians were granted access to their holy sites, the number of pilgrims authorized to enter the Old City and Bethlehem during Christmas and Easter was restricted. Moreover, property restrictions forbidding Christians from purchasing land in Jerusalem were imposed on the Christian residents, while institutions of faith were compelled to abide by strict state controls. Religious Christian schools were required to teach Arabic and forced to be closed during Islamic holy days. Jews were banned completely from the Jordanian-controlled sites, most notably from the Kotel (Western Wall) and other Jewish holy sites, such as the Jewish cemetery on the Mount of Olives. Several synagogues were desecrated and razed to the ground. Since 1967, when the IDF liberated the Old City of Jerusalem, members of all faiths have enjoyed access to their places of worship. During the meeting, Abbas – who continues to deny the Jewish connection to Jerusalem – presented Francis with gifts recalling Christianity’s birthplace in the Holy Land, including a stone from the Church of the Holy Sepulcher in Jerusalem and documentation about the ongoing restoration of the Church of the Nativity in Bethlehem. According to the Vatican’s communiqué, the meeting then “turned to the peace process in the Middle East, and hope was expressed that direct negotiations between the parties will be resumed to bring an end to the violence that causes unacceptable suffering to civilian populations and to find a just and lasting solution.” After the meeting, Abbas formally inaugurated the new Palestinian embassy across the street from one of the main gates of Vatican City. He pulled back a curtain revealing a plaque and extended the Palestinian flag from a flagpole outside a window. The small embassy, located in the same building as the embassies of Peru, Ecuador and Burkina Faso, comes after recent accords in which the Vatican formally recognized the “State of Palestine.” “This embassy is a place of pride for us and we hope all of the countries of the world will recognize the state of Palestine, because this recognition will bring us closer to the peace process,” he said. Jerusalem and its Centrality to Judaism Jerusalem is the holiest city in Judaism, where the two Holy Temples stood. The Holy City has been the spiritual center of the Jewish people since the 10th century BCE. By contrast, Jerusalem is the third-holiest in Islam – after Mecca and Medina – and only since about a century after the death of the prophet Mohammed, who had never visited Jerusalem. Palestinians deny the Jewish Temples ever existed and that Judaism has any connection to the Jews, despite overwhelming archaeological and historical evidence. By: AP and United with Israel

Vaticano Abbas Abbas dice a Papa Gerusalemme è 'capitale della Palestina' Stampa Email 6 Commenti Gen 15, 2017 correlate: 1967 Guerra dei sei giorni Abbas Santo Tempio Papa Francesco Vaticano parete occidentale. Mentre il Vaticano ha sottolineato la santità di Gerusalemme a "credenti di tutte le tre religioni abramitiche," Abbas riferito come "la capitale della Palestina." Dell'Autorità Palestinese (PA) capo Mahmoud Abbas ha incontrato il Sabato con Papa Francesco in Vaticano, dove ha inaugurato l'ambasciata palestinese presso la Santa Sede. Era il loro terzo incontro. Il Vaticano ha sottolineato la santità di Gerusalemme per ebrei, cristiani e musulmani. Abbas ha detto durante l'incontro di 23 minuti che aveva sentito solo attraverso le notizie della proposta del presidente eletto Donald Trump per spostare l'ambasciata degli Stati Uniti a Gerusalemme. I palestinesi si oppongono con forza lo spostamento dell'ambasciata, sostenendo che avrebbe ucciso ogni speranza di negoziato per un accordo di pace israelo-palestinese e Rile la regione da inferiori pretese musulmani alla città santa. "Ci auguriamo che questa notizia non è vera, perché non è incoraggiante e interromperà e ostacolare il processo di pace", ha detto. Nel suo comunicato dopo l'incontro con Abbas, la Santa Sede non ha fatto riferimento a Gerusalemme per nome, ma ha detto che durante i colloqui, "è stata sottolineata l'importanza di salvaguardare la santità dei luoghi santi per i fedeli di tutte e tre le abramica religioni. "Abbas cui Gerusalemme come" la capitale dello Stato di Palestina ", aggiungendo che lui e Francesco" ha ribadito l'importanza della città per le tre religioni monoteiste e il nostro sostegno per la Gerusalemme di essere una città aperta. "la libertà di culto Sotto la sovranità israeliana, infatti, sotto il controllo giordano della Città Vecchia 1948-1967, i musulmani israelo-arabo è stato negato l'accesso ai siti islamici di al-Aqsa e la Cupola della Roccia. Allo stesso modo, mentre i cristiani sono stati concessi l'accesso ai loro luoghi sacri, il numero di pellegrini autorizzato ad entrare nella città vecchia e Betlemme durante Natale e Pasqua sono stati limitati. Inoltre, sono state imposte restrizioni di proprietà che vietano ai cristiani di acquisto di terreni a Gerusalemme i residenti cristiani, mentre le istituzioni di fede sono stati costretti a rispettare severi controlli statali. scuole cristiane religiosi erano tenuti ad insegnare l'arabo e costretto ad essere chiuso durante i giorni santi islamici. Agli ebrei fu vietato completamente dai siti giordani-controllato, in particolare dal Kotel (Muro Occidentale) e altri luoghi santi ebraici, come il cimitero ebraico sul Monte degli Ulivi. Diverse sinagoghe furono profanate e rase al suolo. Dal 1967, quando l'IDF ha liberato la città vecchia di Gerusalemme, i membri di tutte le fedi hanno goduto l'accesso ai loro luoghi di culto. Durante l'incontro, Abbas - che continua a negare il collegamento ebraico a Gerusalemme - presentato Francesco con doni ricordando culla del cristianesimo in Terra Santa, tra cui passi dalla Chiesa del Santo Sepolcro a Gerusalemme e la documentazione sul restauro in corso della chiesa di Natività di Betlemme. Secondo il comunicato del Vaticano, l'incontro poi "si voltò verso il processo di pace in Medio Oriente, e la speranza è stata espressa che i negoziati diretti tra le parti saranno ripresi per porre fine alla violenza che provoca sofferenze inaccettabili alle popolazioni civili e di trovare una soluzione giusta e duratura ". Dopo l'incontro, Abbas ha inaugurato ufficialmente la nuova ambasciata palestinese dall'altra parte della strada da una delle porte principali della Città del Vaticano. Si tirò indietro una tenda rivelando una targa e ha esteso la bandiera palestinese da un pennone fuori di una finestra. Il piccolo dell'ambasciata, che si trova nello stesso edificio, come le ambasciate di Perù, Ecuador e Burkina Faso, arriva dopo i recenti accordi in cui il Vaticano ha formalmente riconosciuto lo "Stato di Palestina". "Questa Embassy è un luogo di orgoglio per noi e speriamo tutti i paesi del mondo riconoscerà lo stato di Palestina, perché questo riconoscimento ci porterà più vicini al processo di pace ", ha detto. Gerusalemme e la sua centralità al giudaismo Gerusalemme è la città santa nel giudaismo, dove i due sacri templi in piedi. La Città Santa è stata il centro spirituale del popolo ebraico in quanto il 10 ° secolo aC. Al contrario, Gerusalemme è la terza più sacro dell'Islam - dopo la Mecca e Medina - e solo da circa un secolo dopo la morte del profeta Maometto, che non aveva mai visitato Gerusalemme. I palestinesi negano Templi ebraici mai esistito e che l'ebraismo ha alcuna connessione con gli ebrei, nonostante le prove archeologiche e storiche schiacciante. Da: AP e Stati con Israele Staff

====================
Corte tedesca: bombardamento di Sinagoga è la critica di Israele, non è antisemitismo. 15 Gennaio 2017
Correlati: Un tribunale nella città tedesca di Wuppertal ha confermato una sentenza che un 2014 bombardamento di una sinagoga non è stato un attacco antisemita, ma un modo per criticare Israele.
Un tribunale regionale nella città tedesca di Wuppertal ha confermato la sentenza di un tribunale di grado inferiore che un 2014 bombardamento di una sinagoga non è stato un incidente antisemita, ma un metodo di critica politica israeliana, il Jerusalem Post ha riferito il Giovedi.
Tre palestinesi tedeschi sono stati condannati nel 2015 di attaccare sinagoga Wuppertal con molotov nel mese di luglio 2014, quando Israele lanciò l'Operazione di protezione bordo, un'operazione militare per fermare continuo lancio di razzi di Hamas contro le città israeliane. Il pannello tribunale locale ha detto nella sua decisione che il bombardamento non era motivata da antisemitismo, ma ha cercato di portare "l'attenzione sul conflitto di Gaza."
I tre uomini - 31 anni, Mohamad E., 26 anni, Ismail A., e 20 anni, Mohammad A. - sono state emesse condanne sospese. Secondo il giudice, hanno lanciato l'attacco sotto l'influenza di alcool. L'incendio ha causato risultante € 800 (circa $ 850) in danni, anche se non congregazione sono stati feriti. Giorni prima dell'attacco, qualcuno vernice spray "Palestina libera" sul muro della sinagoga.
L'attuale sinagoga Wuppertal è stato aperto nel 2002, dopo il suo predecessore fu bruciato dai nazisti durante la Notte dei Cristalli nel 1938.
Pure antisemitismo
Leonid Goldberg, il presidente dell'associazione culturale ebraica di Wuppertal, ha detto a Deutsche Welle dopo il processo 2015 che l'attacco "è stato puro antisemitismo. Ci sono stati più che sufficienti segnali scorso luglio. Tutte le manifestazioni sono state contro Israele - e non solo contro Israele, contro gli ebrei. Era solo una questione di tempo, che questa atmosfera produrrebbe attacchi contro una casa di culto ebraico ".
"Da anni, i nostri rabbini non hanno indossato le loro Kippahs in pubblico come vanno attraverso Wuppertal", Goldberg ha aggiunto. "Gli ebrei che lo fanno indossare i loro kippah in pubblico tentativo di nasconderlo indossando un cappello in cima in modo che non c'è bisogno di sentire insulti da giovani musulmani, la maggior parte di tutti."
Volker Beck, uno dei principali Verdi MP, anche contestato la decisione della corte nel 2015, dicendo che il "attacco alla sinagoga è stata motivata da antisemitismo".
"Cosa gli ebrei in Germania hanno a che fare con il conflitto in Medio Oriente? Ogni bit quanto cristiani, persone non religiose o musulmani in Germania, vale a dire, assolutamente nulla. L'ignoranza della magistratura verso l'antisemitismo è per molti ebrei in Germania particolarmente allarmante ", ha aggiunto.
Nel Global pogrom, che è stato pubblicato nel numero di agosto 2014 La Torre Magazine, editore associato Benjamin Kerstein osservato che la guerra d'estate tra Israele e Hamas aveva portato a un drammatico aumento dell'antisemitismo:
"La retorica Genocidal non si limitava al Belgio. E 'anche apparso in, di tutti i luoghi, in Germania ", dice il rapporto. "Si potrebbe pensare che, nell'era post-Shoah, la Germania aveva perso il diritto di consentire queste cose accadano. Ma questo non era il caso. Un rapporto dai tempi di Israele, afferma: "a Dortmund e Francoforte manifestanti anti-Israele cantava, 'Hamas, Hamas, Juden ins gas!' ( 'Hamas, Hamas, gli ebrei al gas!'). Venerdì scorso, un 200-forte folla di Essen è intervenuto con più minacce rivolte direttamente a ebrei.
"A Berlino, un tempo sede del regime nazista," una folla inferocita ha raccolto "a vomitare lingua che avrebbe incantato il ritardo Fuhrer. "Avvolto in bandiere palestinesi e agitando i pugni per la rabbia, hanno cantato in tedesco, 'Jude, Jude feiges Schwein! Komm heraus und Kämpf Allein! '(' Ebreo, Ebreo, suina vile, uscire e combattere da soli! '), "Il rapporto ha raccontato.

========================
German Court: Firebombing of Synagogue is Criticism of Israel, Not Anti-Semitism. Jan 15, 2017
Related: A court in the German city of Wuppertal upheld a ruling that a 2014 firebombing of a synagogue was not an anti-Semitic attack, but a way to criticize Israel.
A regional court in the German city of Wuppertal upheld a lower court’s ruling that a 2014 firebombing of a synagogue was not an anti-Semitic incident, but a method of criticizing Israeli policy, The Jerusalem Post reported on Thursday.
Three German Palestinians were convicted in 2015 of attacking the Wuppertal synagogue with Molotov cocktails in July 2014, when Israel launched Operation Protective Edge, a military operation to stop ongoing Hamas rocket fire against Israeli towns. The local court panel said in its decision that the firebombing was not motivated by anti-Semitism, but sought to bring “attention to the Gaza conflict.”
The three men — 31-year-old Mohamad E., 26-year-old Ismail A., and 20-year-old Mohammad A. — were issued suspended sentences. According to the court, they launched the attack under the influence of alcohol. The resulting fire caused €800 (about $850) in damages, though no congregants were injured. Days before the attack, someone spray-painted “Free Palestine” on the wall of the synagogue.
The current Wuppertal synagogue was opened in 2002, after its predecessor was burnt down by the Nazis during Kristallnacht in 1938.
Pure Anti-Semitism
Leonid Goldberg, the chairman of Wuppertal’s Jewish cultural association, told Deutsche Welle after the 2015 trial that the attack “was pure anti-Semitism. There were more than enough signals last July. All demonstrations were against Israel – and not just against Israel, against Jews. It was just a matter of time, that this atmosphere would produce attacks against a Jewish house of worship.”
“For years now, our rabbis haven’t worn their kippahs in public as they go through Wuppertal,” Goldberg added. “Jews that do wear their kippah in public attempt to hide it by wearing a hat on top so that they don’t have to hear insults from young Muslims, most of all.”
Volker Beck, a leading Green Party MP, also disputed the court’s decision in 2015, saying that the “attack on the synagogue was motivated by anti-Semitism.”
“What do Jews in Germany have to do with the Middle East conflict? Every bit as much as Christians, non-religious people or Muslims in Germany, namely, absolutely nothing. The ignorance of the judiciary toward anti-Semitism is for many Jews in Germany especially alarming,” he added.
In The Global Pogrom, which was published in the August 2014 issue of The Tower Magazine, associate editor Benjamin Kerstein observed that the summer war between Israel and Hamas had led to a dramatic increase in anti-Semitism:
“Genocidal rhetoric was not confined to Belgium. It also appeared in, of all places, Germany,” the report said. “One would have thought that, in the post-Shoah age, Germany had lost the right to allow such things to occur. But this was not the case. A report from the Times of Israel states, “In Dortmund and Frankfurt anti-Israel protesters chanted, ‘Hamas, Hamas, Juden ins gas!’ (‘Hamas, Hamas, Jews to the gas!’). On Friday, a 200-strong mob in Essen chimed in with more threats aimed directly at Jews.

“In Berlin, once the seat of the Nazi regime, “An angry mob gathered” to spew language that would have enchanted the late Fuhrer. “Draped in Palestinian flags and shaking their fists in rage, they chanted in German, ‘Jude, Jude feiges Schwein! Komm heraus und kämpf allein!’ (‘Jew, Jew, cowardly swine, come out and fight on your own!’),” the report recounted.
=============
Oberlin College Fires professore che ha accusato 9/11, attacchi Charlie Hebdo su Israele. Nov 16, 2016. correlate: Gioia Karega, un assistente professore presso l'Oberlin College cui Facebook Posti di primo piano teorie cospirative antisemite sul potere globale ebraico e le accuse che Israele era dietro gli attacchi terroristici del 9/11 e la creazione di ISIS, è stato ufficialmente licenziato dal consiglio della scuola di fondazione il Martedì. Il consiglio di fondazione ha rilevato che tutti i messaggi di Karega, che sono stati prima segnalati da La Torre a febbraio, erano in violazione della American Association of Dichiarazione di etica professionale, che richiede i professori di "accettare l'obbligo di esercizio critico auto-disciplina e professori universitari ' sentenza utilizzando, l'estensione e la trasmissione della conoscenza "e di" praticare l'onestà intellettuale ". in una dichiarazione, il Consiglio di fondazione ha spiegato che Karega è stato dato" numerose protezioni procedurali "durante il processo di revisione, tra cui essere rappresentato da un avvocato e in grado di presentare testimoni e interrogare le persone che testimoniano contro di lei. Nel corso del procedimento, la dichiarazione presunta, Karega "ha attaccato i suoi colleghi quando hanno sfidato incongruenze nella sua descrizione del collegamento tra le postazioni e la sua borsa di studio. Lei negò ogni responsabilità per la sua cattiva condotta. E lei continua a dare la colpa Oberlin e dei suoi comitati di facoltà per intraprendere un processo di revisione della governance condivisa ".
La maggioranza del Consiglio di Facoltà Generale, l'organo esecutivo della facoltà di Oberlin, ha scoperto che i messaggi di Facebook di Karega non potevano essere considerati parte del suo lavoro scientifico, e aveva "irrimediabilmente compromessa [sua] capacità di svolgere le sue funzioni come studioso, un insegnante, e un membro della comunità. "
"Di fronte a ripetute rifiuto di Dr. Karega di riconoscere e rimediare la sua cattiva condotta, la sua continua presenza mina la missione ei valori della comunità accademica di Oberlin," il Consiglio di fondazione dichiarazione concluso. "Pertanto, qualsiasi breve sanzione del licenziamento è insufficiente e il consiglio di fondazione è costretto a prendere questa azione più grave." In un post di Facebook reagire alla sua cottura, Karega offerto scuse per le sue azioni, invece la scrittura di ringraziamento yous per i suoi sostenitori e alludendo a "contenzioso che sta arrivando":
I emetterà un comunicato ufficiale a breve. Potrei facilmente rilasciare una dichiarazione "Kiss My Ass". Sarei più che giustificato in questo modo. Ma questo non è il mio stile. Scelgo le mie armi con attenzione e in modo strategico. E la fiducia, ho fatto. Ci sarà una sfida e la difesa dei miei diritti, utilizzando tutte le vie che ho a mia disposizione - contenzioso, pubbliche, ecc Il percorso per questo è già stato stabilito.
L'esposizione del Torre dei messaggi degli Karega, che comprendeva anche la sua messa in discussione perché il presidente Obama aveva approvato il finanziamento per sostenere anziani sopravvissuti all'Olocausto, è diventato rapidamente una storia nazionale, nel mese di febbraio. Karega, che è stato aspramente condannato da molti gruppi ebraici, successivamente ha scritto un post su Facebook ringraziando il sito Veterans Today per il suo sostegno. Veterani Oggi è stato descritto dal Southern Poverty Law Center come un sito web che "può scorrere abbastanza rapidamente in palese antisemitismo," editoria sostiene che, tra le altre cose, l'Olocausto è stata esagerata.
Il mese successivo, il presidente del s Consiglio di fondazione, Clyde McGregor, ha rilasciato una dichiarazione che chiede post Facebook di Karega "antisemita e ripugnante", e affermando inequivocabilmente che essi "non hanno posto a Oberlin." McGregor ha chiamato per la revisione dei problemi sollevata dal post di Karega "rapidamente." Nel mese di aprile la maggior parte delle facoltà di Oberlin ha firmato una lettera che è stata critica duramente Karega. "L'intolleranza non ha posto nel campus Oberlin (o dovunque)," ha detto la lettera. "E 'sullies i valori di uguaglianza e di reciproco sostegno che sono incorporati nel nostro DNA istituzionale come la prima università mista e il primo ad ammettere gli studenti di tutte le razze, come una questione di politica. ... Come studiosi e docenti che tesoro di tutti Oberlin è stata e deve continuare ad essere, noi condanniamo ogni manifestazione di intolleranza nel nostro campus - soprattutto da parte nostra facoltà ".
Di: TheTower.org

========================
Oberlin College Fires Professor Who Blamed 9/11, Charlie Hebdo Attacks on Israel. Nov 16, 2016. Related: Joy Karega, an assistant professor at Oberlin College whose Facebook posts featured anti-Semitic conspiracy theories about Jewish global power and accusations that Israel was behind the 9/11 terror attacks and the creation of ISIS, was officially dismissed by the school’s Board of Trustees on Tuesday. The Board of Trustees found that Karega’s posts, which were first reported by The Tower in February, were in violation of the American Association of University Professors’ Statement of Professional Ethics, which requires professors to “accept the obligation to exercise critical self-discipline and judgment in using, extending and transmitting knowledge” and to “practice intellectual honesty.” In a statement, the Board of Trustees explained that Karega was given “numerous procedural protections” during the review process, including being represented by counsel and able to present witnesses and cross-examine people testifying against her. During the proceedings, the statement alleged, Karega “attacked her colleagues when they challenged inconsistencies in her description of the connection between her postings and her scholarship. She disclaimed all responsibility for her misconduct. And she continues to blame Oberlin and its faculty committees for undertaking a shared governance review process.”
A majority of the General Faculty Council, the executive body of Oberlin’s faculty, found that Karega’s Facebook posts could not be considered part of her scholarly work, and had “irreparably impaired [her] ability to perform her duties as a scholar, a teacher, and a member of the community.”
“In the face of Dr. Karega’s repeated refusal to acknowledge and remedy her misconduct, her continued presence undermines the mission and values of Oberlin’s academic community,” the Board of Trustees statement concluded. “Thus, any sanction short of dismissal is insufficient and the Board of Trustees is compelled to take this most serious action.” In a Facebook post reacting to her firing, Karega offered no apologies for her actions, instead writing thank-yous to her supporters and alluding to “litigation that is coming”:
I will be issuing an official statement soon. I could easily release a “Kiss My Ass” statement. I would be MORE than justified in doing so. But that is not my style. I choose my weapons CAREFULLY and STRATEGICALLY. And trust, I have done that. There will be a challenge and defense of my rights, using ALL the avenues I have available to me — litigation, public, etc. The pathway for that has already been laid.
The Tower’s exposure of Karega’s posts, which also included her questioning why President Obama had approved funding to support elderly Holocaust survivors, quickly became a national story in February. Karega, who was harshly condemned by many Jewish groups, subsequently wrote a post on Facebook thanking the website Veterans Today for its support. Veterans Today has been described by the Southern Poverty Law Center as a website that “can slide pretty quickly into overt anti-Semitism,” publishing claims that, among other things, the Holocaust was exaggerated.
The following month, the chairman of the s Board of Trustees, Clyde McGregor, issued a statement calling Karega’s Facebook postings “anti-Semitic and abhorrent,” and stating unequivocally that they “have no place at Oberlin.” McGregor called for reviewing the issues raised by Karega’s post “expeditiously.” In April the majority of Oberlin’s faculty signed a letter that was harshly critical of Karega. “Bigotry has no place on the Oberlin campus (or anywhere),” the letter said. “It sullies the values of equality and mutual support that are embedded in our institutional DNA as the first coeducational college and the first to admit students of all races as a matter of policy. … As scholars and teachers who treasure all Oberlin has been and must continue to be, we condemn any manifestation of bigotry on our campus — especially from our faculty.”
By: TheTower.org
=======
Senators Graham, Cruz Introduce Bill to Defund UN over Anti-Israel Resolution. Jan 15, 2017
Related: Senators Cruz and Graham introduced a bill calling to cut US funding to the UN until it repeals the recent anti-Israel resolution.
Senators Ted Cruz (R-TX) and Lindsey Graham (R-SC) on Thursday introduced the Safeguard Israel Act, calling to cut US funding to the United Nations (UN) until the president certifies to Congress that United Nations Security Council (UNSC) Resolution 2334 has been repealed.
“The resolution passed last month undermines and delegitimizes our ally, Israel,” Cruz said in a statement.
“President Obama betrayed decades of robust bipartisan American support for Israel at the United Nations by permitting the passage of a biased resolution that condemns our close friend and ally,” Cruz said in an interview with Morning Joe and Fox and Friends. “The Security Council’s resolution is only the latest example of the UN’s long history of obsessive hostility towards Israel and we must not let this shameful action stand. Congress must hold the UN accountable and use our leverage as its largest contributor to push for the repeal of this resolution, making it clear to the world that Congress stands unequivocally against efforts to undermine Israel.”
American funding accounts for 22 percent of the UN budget, the highest of any member state.
“I don’t think it’s a good investment for the American taxpayer to give money to an organization that condemns the only democracy in the Mideast, and takes the settlement issue and says that’s the most important and only issue in terms of an impediment to peace,” said Graham. “I begged the UN months before, don’t put me in this box. This was John Kerry and Obama taking a slap at Israel. We’re going to push back. I think most Americans believe that the United Nations has become more anti-Semitic, more anti-Israeli. And I’m a big internationalist, but we’re going to stop the money until we get this fixed. I appreciate Ted’s leadership on this.”
In their legislation, Cruz and Graham outline numerous reasons why UNSC Resolution 2334 should be repealed, including attempts to pre-judge the basis for negotiations, predetermine the outcome of negotiations, and dictate terms and conditions, which is an abandonment of long-standing US policy and previous commitments made to Israel.
Similarly, the resolution falsely claims that Israel’s sovereignty over the eastern part of Jerusalem and Jewish communities in Judea and Samaria are illegal under international law, and that the Old City of Jerusalem, along with the Temple Mount – the holiest site for the Jewish people – and the Western Wall are ‘‘occupied Palestinian territory.’’
The resolution also encourages the International Criminal Court (ICC) to open an illegitimate formal investigation against Israel, the senators say. Cruz and Graham also believe that the resolution will strengthen the Palestinian diplomatic, economic, and legal warfare campaign against Israel, including BDS (boycotts, divestment and sanctions). “The United States must use this influence to help our allies, in this case Israel, which is crucial to our own national security interests,” concluded Cruz.
By: Max Gelber, United with Israel
==========
Kent State University. Kent State rifiuta domanda da parte dei gruppi anti-israeliane di rimuovere Golda Meir Foto. Nov 16, 2016. Kent State University si rifiuta di cedere alle pressioni da studenti attivisti anti-israeliane di smantellare un display con una foto di citazione e dal primo ministro Golda Meir tardi - che a loro parere è un promemoria quotidiano del razzismo nel campus - dopo reportage da The Algemeiner all'inizio di questo mese ha generato grave contraccolpo.
Di: Lea Speyer / Il Algemeiner
La decisione arriva dopo che il presidente dell'università Beverly Warren inizialmente ha detto che l'indignazione espressa dal capo del capitolo di Kent State di Studenti per la giustizia in Palestina (SJP), nonché dall'Associazione spagnola e latino Student (salsa), Ohio Student Association e studenti musulmani Associazione - sarebbe stata presa in considerazione durante la pesatura se rimuovere l'mostre.
Giovedi ', tuttavia, secondo un portavoce della scuola, vice presidente per gli affari accademici e Provost Todd Diacon inviato una lettera al presidente SJP Yousof Mousa - che è stato ottenuto da The Algemeiner - informandolo della decisione della scuola di lasciare intatto il display.
La lettera era indirizzata a Mousa, come lo era lui che aveva scatenato tutta la controversia, in primo luogo, con la pubblicazione di un editoriale sul sito studente indipendente Kent Wired, accusando il defunto leader dello stato ebraico della "pulizia etnica dei palestinesi ".
Egli ha affermato che la sua citazione - "Fidati di te stesso. Creare il tipo di auto che sarete felici di vivere con tutta la vita. Sfruttate al massimo di voi stessi da alimentando i piccoli, scintille interne delle possibilità in fiamme di realizzazione "- stava causando studenti palestinesi e nere disagio ed è stato" contribut [ing] ad un clima che ci fa sentire come se non apparteniamo qui ".
"Mentre onoro le vostre preoccupazioni", Diacon scrisse a Mousa, "rimuovendo la citazione da Golda Meir, che è aconfessionale e che ragionevolmente potrebbe essere letto da molti come fonte di ispirazione, sarebbe controproducente per il nostro valore istituzionale nucleo di sostenere una diversità di culture, credenze, identità e di pensiero. "capitolo Hillel di Kent State accolto con favore la decisione, affermando:" siamo soddisfatti che l'università ha agito in modo responsabile e rimaniamo impegnati a sostenere i valori fondamentali del universitari di rispetto della diversità e la promozione di una società inclusiva comunità "Golda -. mentre veniva familiarmente noto, sia in Israele che all'estero - è stato il quarto (e solo femminile) il primo ministro di Israele. Ha ricoperto la carica dal tra marzo 1969 al giugno 1974, ed è ricordato per giocare un ruolo chiave nel rafforzare le relazioni di Israele con le nazioni africane e per la ricerca della pace con i vicini arabi dello stato ebraico. Un altro dei suoi famosi motti era: "Avremo solo la pace con gli arabi quando amano i loro figli più di noi odiano". Secondo il portavoce Kent State, il display Golda, insieme a tutta l'intera mostra, verrà rimosso il prossimo estate in ogni caso, grazie alla costruzione sul sito.
===================
Kent State University. Kent State Refuses Demand by Anti-Israel Groups to Remove Golda Meir Photo. Nov 16, 2016. Kent State University is refusing to cave to pressure from anti-Israel student activists to dismantle a display featuring a photo of and quotation by the late Prime Minister Golda Meir — which they claim is a daily reminder of racism on campus — after reportage by The Algemeiner earlier this month generated serious backlash.
By: Lea Speyer/The Algemeiner
The decision comes after university president Beverly Warren initially said that outrage expressed by the head of Kent State’s chapter of Students for Justice in Palestine (SJP), as well as by the Spanish and Latino Student Association (SALSA), Ohio Student Association and Muslim Students Association — would be taken into consideration while weighing whether to remove the exhibit.
On Thursday, however, according to a school spokesperson, Senior Vice President for Academic Affairs and Provost Todd Diacon sent a letter to SJP president Yousof Mousa — which was obtained by The Algemeiner — informing him of the school’s decision to leave the display intact.
The letter was addressed to Mousa, as it was he who had sparked the whole controversy in the first place, by publishing an op-ed in the independent student website Kent Wired, accusing the late leader of the Jewish state of the “ethnic cleansing of Palestinians.”
He claimed that her quote — “Trust yourself. Create the kind of self that you will be happy to live with all your life. Make the most of yourself by fanning the tiny, inner sparks of possibility into flames of achievement” — was causing Palestinian and black students discomfort and was “contribut[ing] to a climate that makes us feel like we do not belong here.”
“While I honor your concerns,” Diacon wrote to Mousa, “removing the quote from Golda Meir, which is nonsectarian and which reasonably could be read by many as inspirational, would be counter to our core institutional value of supporting a diversity of cultures, beliefs, identities and thought.” Kent State’s Hillel chapter welcomed the decision, stating, “We are satisfied that the university has acted in a responsible way and we remain committed to supporting the university’s core values of respect for diversity and the promotion of an inclusive community.” Golda — as she was familiarly known, both in Israel and abroad — was Israel’s fourth (and only female) prime minister. She held the position from between March 1969 to June 1974, and is remembered for playing a key role in bolstering Israel’s relations with African nations and for seeking peace with the Jewish state’s Arab neighbors. Another of her famous sayings was: “We will only have peace with the Arabs when they love their children more than they hate us.” According to the Kent State spokesperson, the Golda display, along with all the entire exhibit, will be removed next summer in any case, due to construction on the site.

I senatori Graham, Cruz Introdurre Bill a Defund delle Nazioni Unite su risoluzione anti-Israele. 15 Gennaio 2017
Correlati: Senatori Cruz e Graham ha introdotto un disegno di legge chiede di tagliare degli Stati Uniti il ​​finanziamento alle Nazioni Unite fino a che abroga la recente risoluzione anti-Israele.
Senatori Ted Cruz (R-TX) e Lindsey Graham (R-SC) il Giovedi introdotto la salvaguardia Israele Act, chiamando a tagliare US finanziamento alle Nazioni Unite (ONU) fino a quando il presidente certifica al Congresso che il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite (UNSC) Risoluzione 2334 è stata abrogata.
"La risoluzione approvata il mese scorso mina e delegittima il nostro alleato, Israele", ha detto Cruz in un comunicato.
"Il presidente Obama ha tradito decenni del robusto sostegno americano bipartisan per Israele alle Nazioni Unite permettendo il passaggio di una risoluzione di parte che condanna il nostro caro amico e alleato", ha detto Cruz in un'intervista con Morning Joe e Fox and Friends. "La risoluzione del Consiglio di sicurezza è solo l'ultimo esempio di lunga storia di ostilità nei confronti di Israele ossessivo delle Nazioni Unite e non dobbiamo lasciare che questa posizione vergognosa azione. Congresso deve tenere conto delle Nazioni Unite e usare la nostra leva finanziaria come il suo maggior contribuente di spingere per l'abrogazione di questa risoluzione, il che rende chiaro al mondo che il Congresso sta inequivocabilmente contro i tentativi di minare Israele ".
rappresenta finanziamento americano per il 22 per cento del bilancio delle Nazioni Unite, il più alto di qualsiasi Stato membro.
"Io non credo che sia un buon investimento per il contribuente americano a dare soldi ad una organizzazione che condanna l'unica democrazia del Medio Oriente, e prende la questione degli insediamenti e dice che è il problema più importante e solo in termini di un impedimento alla pace ", ha detto Graham. "Ho pregato i mesi delle Nazioni Unite prima, non mi mettere in questa casella. Questo è stato John Kerry e Obama di prendere uno schiaffo a Israele. Stiamo andando a spingere indietro. Credo che la maggior parte degli americani crede che le Nazioni Unite è diventato più antisemita, più anti-israeliano. E io sono un grande internazionalista, ma stiamo andando a fermare i soldi fino a quando non ottenere questo riparato. Apprezzo la leadership di Ted su questo. "
Nella loro legislazione, Cruz e Graham delineano numerose ragioni per cui risoluzione UNSC 2334 dovrebbe essere abrogata, inclusi i tentativi di pre-giudicare la base dei negoziati, predeterminare il risultato dei negoziati, e dettare termini e condizioni, che è un abbandono di lunga data degli Stati Uniti la politica e gli impegni precedenti fatte ad Israele.
Allo stesso modo, la risoluzione afferma falsamente che la sovranità di Israele sulla parte orientale di Gerusalemme e comunità ebraiche in Giudea e Samaria sono illegali secondo il diritto internazionale, e che la Città Vecchia di Gerusalemme, insieme con il Monte del Tempio - il luogo più santo per il popolo ebraico - e il Muro occidentale sono '' territorio occupato palestinese ''.
La risoluzione incoraggia inoltre la Corte penale internazionale (CPI) per aprire un illegittimo di indagine formale nei confronti di Israele, i senatori dicono. Cruz e Graham credono anche che la risoluzione sarà rafforzare la campagna palestinese di guerra diplomatica, economica e legale contro Israele, tra cui BDS (boicottaggio, disinvestimento e sanzioni). "Gli Stati membri devono utilizzare questa influenza per aiutare i nostri alleati, in questo caso Israele, che è fondamentale per i nostri interessi di sicurezza nazionale", ha concluso Cruz.
Da: Max Gelber, Stati con Israele







Conferenza di Parigi al via
Al tavolo senza Israele
Si svolgerà oggi a Parigi la conferenza internazionale dedicata al Medio Oriente. La seconda sul tema dopo quella del tre giugno scorso con il segretario di Stato americano John Kerry e una trentina di paesi. "Ecco oggi la seconda conferenza, con il segretario Kerry e stavolta una settantina di Paesi. Le possibilità che si raggiunga qualche risultato concreto sono ancora più scarse" scrive il Corriere.
Come noto, Israele non parteciperà. Uno "schiaffo a Hollande", scrive sempre il Corriere.
Ieri intanto Abu Mazen, che ha incontrato papa Bergoglio e inaugurato l'ambasciata palestinese presso la Santa Sede, ha lanciato il seguente messaggio a Donald Trump: "Mai la vostra ambasciata a Gerusalemme" (La Stampa).

Milano, fascisti in piazza. "Per un'ora e mezza i militanti di Forza Nuova si sono goduti la location che a Milano nessuna formazione di estrema destra, per nessuna manifestazione, ha mai avuto in concessione. Mai. Da nessuna giunta". Così Repubblica Milano racconta il raduno svoltosi ieri nel cuore del capoluogo lombardo, davanti all'Arco della Pace.


"Regole chiare per la pace". Sull'inaugurazione dell'ambasciata palestinese, un intervento della presidente della Comunità ebraica romana Ruth Dureghello al Tempo: "Il Vaticano ha fatto un passo avanti perchè sulla carta lo Stato palestinese non esiste, visto che non esiste un'autorità sovrana a Gaza e Cisgiordania. Per una pace duratura servono regole chiare e non riconoscimenti unilaterali".

Le note di Ferramonti. Sul domenicale del Sole 24 Ore, ampia presentazione dei temi che saranno toccati in occasione del Concerto per la Memoria che si svolgerà la sera del 26 gennaio all'Auditorium Parco della Musica.
Protagonista il campo di Ferramonti, in Calabria, dove gli internati svilupparono "una vita comunitaria e artistica molto ricca".
L'iniziativa è organizzata da Viviana Kasam e Marilena Francese con il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri per il Giorno, sotto l'egida dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane e in collaborazione con l'Accademia di Santa Cecilia.

Ricordo di un maestro. "Era un intellettuale nel senso più profondo della parola, un uomo che costruiva il proprio sapere traendo ispirazione, notizie, stimoli da tutte le fonti possibili e accessibili. E il suo sapere, da persona generosa, lo metteva a disposizione di tutti". Così Wlodek Goldkorn ricorda Zygmunt Bauman oggi su L'Espresso.

Da Firenze a Gerusalemme. "Mi sento fiorentino, sono orgoglioso di questa identità e ho sempre cercato di portarla in tutte le cose di cui mi sono occupato: dal lavoro di architetto all'impegno nelle istituzioni". Già vicesindaco di Gerusalemme, David Cassuto è tra gli esponenti più noti degli Italkim, la comunità degli italiani d'Israele. Questa sera, al Museo Eretz, sarà tra i protagonisti di un incontro sul tema della Memoria alla presenza del sindaco di Firenze Dario Nardella. Al Corriere Fiorentino Cassuto anticipa alcuni temi del suo intervento.

Adam Smulevich twitter @asmulevichmoked











Voci dagli insediamenti: "Vogliamo raccontarci
perché il pubblico possa conoscere chi vive qui"


Il 2017, si legge nella descrizione del video su youtube di “Talk17”, è un anno importante per Israele. Segna i 50 anni dalla guerra dei Sei giorni e i 100 anni dalla dichiarazione Balfour. “Ma 50 anni dopo, vediamo lo stesso messaggio presentato al pubblico rispetto alla vita in Giudea e Samaria o West Bank, e pensiamo sia arrivato il momento che le persone conoscano effettivamente chi vive qui”. Come? Attraverso una serie di incontri ripresi e pubblicati online che richiamano la celebre formula dei Ted Talks: un oratore sul palco – in questo caso del Regional Center for performing arts dell'insediamento di Ariel - , un pubblico davanti, 15 minuti di tempo per sviluppare la propria idea. E in questo caso l'idea è raccontare la vita negli insediamenti, sia sul fronte ebraico sia su quello arabo. Il programma è sostenuto dall'American Friends of Ariel, noprofit statunitense che sostiene l'insediamento di Ariel.




Leggi tutto










il pluralismo israeliano contro la repressione palestinese


Quell'accusa di apartheid mal indirizzata

Tra coloro che negli ultimi giorni anche in Italia hanno contestato la sentenza da parte di un tribunale militare israeliano nei confronti del soldato Elor Azaria, condannato per l’uccisione di un terrorista palestinese – strano notare che alcuni tra questi sovente attaccano chi invece specie dalla Diaspora mette bocca sul governo di Israele in altre occasioni –, e coloro che invece hanno rispettato la decisione dei giudici. Amira Hass su Internazionale taglia corto: “Il messaggio che le autorità militari hanno trasmesso ai soldati, non è che non devono uccidere chi non rappresenta una minaccia, ma devono stare attenti a non farsi filmare”. A discapito di questa tesi, tutto ciò che accade nei “territori” è continuamente sotto riflettori e videocamere, anche in confronto ad ogni altro paese al mondo, grazie a numerose associazioni arabe, israeliane o internazionali che documentano oppure “mettono in scena” ogni singolo episodio. Eppure, nonostante non condivida la maggior parte delle opinioni di Amira Hass, trovandola il più delle volte provocatoria e tendenziosa, penso che pure giornalisti di questa stoffa non facciano altro che testimoniare quanto Israele sia nelle proprie radici un paese pluralistico e libero di pensiero, e quanto sia importante che continui ad esserlo. Più che altro, non capisco quanto convenga a personaggi come la Hass abbracciare idee così radicalmente anti-israeliane e filo-palestinesi, lei stessa non ha mai condannato il BDS e più volte ha definito Israele un paese dove vige l’apartheid, ma poi contemporaneamente nel 2014 fu invitata ad andarsene da una conferenza organizzata dalla Birzeit University di Ramallah, perché un regolamento interno vietava la presenza di ebrei israeliani. Di quale Apartheid si parla?

Francesco Moises Bassano





Leggi tutto










lo scrittore israeliano


Appelfeld: "Qui in Israele, stesso terrore di Berlino"'




"Occorre comprendere che questo terrorismo che insanguina Israele è lo stesso che colpisce le vostre città europee. Gli estremisti islamici fanno la guerra al mondo occidentale e a Israele, che ne rappresenta l'avamposto in Medio Oriente. Non c'è differenza tra le stragi di Berlino, Parigi, Bruxelles o Gerusalemme". Aharon Appelfeld da sempre racconta nei suoi libri la tragedia degli ebrei al tempo del nazismo e anche commentando le cronache del presente non nasconde di essere pesantemente condizionato dal suo passato. Aveva nove anni nel 1941, quando la sua famiglia fu sterminata nel suo villaggio di Jadova (allora Romania, oggi Ucraina). Lui si nascose nella foresta, riuscì a unirsi a un gruppo di partigiani e sopravvivere prima dell'arrivo dell'Armata Rossa, dove venne preso come cuoco al seguito delle truppe. Emigrato in Israele divenne scrittore. È autore di 46 romanzi. Dice: "Sto scrivendo il 47esimo che Condizionamenti I palestinesi ormai sono sempre più condizionati dal fondamentalismo islamico sarà la saga dell'ebreo a cavallo del nuove millennio".




Lorenzo Cremonesi, Corriere della Sera
9 gennaio 2017

Leggi tutto





l'ex vicesindaco della capitale


Da Firenze a Gerusalemme la storia di David Cassuto




Vicesindaco di Gerusalemme a metà degli anni 90, l'architetto David Cassuto è sempre un punto di riferimento della comunità degli Italkim, gli italiani d'Israele. Sono oltre 70 anni che ha lasciato Firenze e si è ricostruito una vita dopo mesi in clandestinità per evitare la cattura dei nazifascisti. Ma non per questo ha smesso di sentirsi parte della storia e dei valori della sua città. Al sindaco Dario Nardella, oggi a Tel Aviv per alcune iniziative dedicate al Giorno della Memoria e al Cinquantenario dell'Alluvione, racconterà la vicenda della sua famiglia, di come si salvò dagli aguzzini, ma anche del tradimento subito dal padre Nathan, rabbino capo e tra i principali protagonisti della rete di assistenza agli ebrei. Deportato nei lager, non farà mai ritorno. Sopravvisse invece sua moglie Anna, che fu prigioniera ad Auschwitz, Bergen Belsen e Terezin. Con i figli partirà poi alla volta dell'allora Palestina mandataria, il futuro Stato di Israele. Stato che però non vide nascere. Nell'aprile del 1948 fu infatti uccisa da un gruppo di terroristi arabi nel corso di un attacco a un convoglio medico.




Adam Smulevich, Corriere Fiorentino,
15 gennaio 2017




Leggi tutto





proteste a gaza sull'elettricità


In piazza contro Hamas




Nella Striscia di Gaza si sono tenute diverse proteste contro il governo locale, controllato dal gruppo politico-terroristico di Hamas, per via dei continui blackout di questi giorni. La scarsità di energia elettrica all’interno della Striscia è un problema ricorrente, ma di recente sembra essersi ulteriormente aggravato. Secondo Associated Press, alcune zone ricevono elettricità solamente per 3 o 4 ore al giorno: un problema ancora più rilevante a causa delle basse temperature invernali (anche inferiori ai dieci gradi centigradi, a cui i palestinesi non sono così abituati). La protesta è stata inoltre una delle più partecipate da quando Hamas ha preso il potere nella Striscia, quasi dieci anni fa: sia perché Hamas è tuttora piuttosto popolare nella Striscia, sia perché le sue forze di sicurezza sono note per essere particolarmente repressive.

Il Post

Leggi tutto





il progetto nella Silicon Wadi


L'Enel e l'hub a Tel Aviv




Nella ricca Silicon Wadi, l’alternativa israeliana all’egomonia del tech statunitense, svetta da luglio una bandiera italiana: è quella di Enel, che ha deciso di aprire proprio in Israele il suo primo Innovation Hub, acceleratore di startup destinate a cambiare gli scenari dell’energia.
MIssion della utility è lo scouting ed il sostegno delle startup nella fase di sviluppo e di commercializzazione, al fine di individuare in anticipo soggetti in grado di apportare valore e colmare gap di innovazione. Nell’hub israeliano le startup avranno la possibilità di entrare in contatto con le business lines del Gruppo, con l’obiettivo di sviluppare insieme nuove soluzioni, grazie al supporto previsto dal programma della multinazionale italiana, interessata ad entrare in contatto con diverse tecnologie in linea con le sue priorità strategiche.





Wired




Leggi tutto

























Ver versión online













Centro Jurídico Tomás Moro


www.tomasmoro.info












¿DEFENDEMOS LA FAMILIA?


Estimado amigo:






Desde el Centro Jurídico Tomás Moro llevamos más de 12 año luchando a favor de las libertades civiles, defendiendo el derecho a la vida, la libertad religiosa y de conciencia e influyendo socialmente mediante nuestras actividades.






Pero consideramos que no es suficiente, y que este año que empezamos es necesario movilizar y sensibilizar a una sociedad que parece dormida ante los atropellos de los poderes públicos.






Antes de seguir explicándote nuestro próximo proyecto te ruego que veas el siguiente vídeo (pulsando sobre la imagen).



























También lo puedes ver en el siguiente enlace: https://www.youtube.com/watch?v=GBtJ-ZX9978


En todos estos años hemos luchando contra el aborto, contra la ideología de género, contra el adoctrinamiento de los menores, pero después 12 años nos hemos dado cuenta que nos hemos olvidado de los más importante: DEFENDER A LA FAMILIA.






Desde el Centro Jurídico Tomás Moro consideramos que defendiendo a la familia estamos dando todas las luchas a la vez: la lucha por la vida, la lucha frente a las leyes de género, la lucha frente al adoctrinamiento, la lucha frente a un derecho de familia que se ha convertido en la maquinaria más destructiva de la familia ...






¿Nos ayudas a defender la familia?






Consideramos que ya no es suficiente dar la batalla en los Juzgados y Tribunales, es necesario llevar a la calle nuestras justas aspiraciones y forzar a la opinión pública a denunciar la mordaza con la que algunos quieren atenazar la libertad de las familias.






Pero para seguir luchando necesitamos incorporar nuevas herramientas a nuestra lucha, y necesitamos tu ayuda.






De momento te envío en primicia el primer vídeo que hemos editado. Lo presentaremos la próxima semana; con el que pretendemos concienciar de la necesidad de crear legislaciones protectoras de la familia. (PARA VER EL VÍDEO PULSA SOBRE LA IMAGEN o en el siguiente enlace https://www.youtube.com/watch?v=GBtJ-ZX9978).









Este es nuestro proyecto


Este año queremos lanzar una serie de vídeos (de menos de 5 minutos de duración) para sensibilizar a la sociedad del nuevo totalitarismo ideológico destructor de la familia que se está implantando en España. Ya tenemos programados los tres siguientes (sobre las leyes LGTBI, vientres de alquiler y sobre el voto familiar), pero para elaborarlos es necesario que invirtamos 480 € en un aplicación informática que nos permitirá editar directamente nuestros vídeos sin depender de servicios externos.






Por eso, para poder desarrollar los nuevos proyectos y seguir como en estos doce años defendiendo los principios que compartimos nos permitimos pedirte lo siguiente:


- Te rogamos que difundas el vídeo que te hemos presentado (https://www.youtube.com/watch?v=GBtJ-ZX9978 ).


- Te rogamos que colabores económicamente con este proyecto (con 5 €, 10 €, o la cantidad que consideres adecuada) pues necesitamos 480 € para la adquisición de un programa profesional de edición de vídeo.






Para ayudarnos económicamente puedes:


- Realizar su donación por transferencia bancaria: BBVA, 0182-4016-05-0208517204 (IBAN ES72).


- Remitir un cheque (sólo nominativos al Centro de Estudios Jurídicos Tomás Moro, C/ Velázquez 109, 1º Izd. 28006 Madrid).


- Realizar una aportación con tarjeta bancaria o PayPal cumplimentando el formulario de nuestra web pulsando aquí.






DONAR








Para ayudarnos en la difusión de nuestros vídeos puedes:


- Remitir este correo a todos tus contactos.


- Difundir y compartir nuestros videos en las redes sociales.






VER EL VÍDEO




De cualquier forma, podamos o no afrontar económicamente estos nuevos proyectos, ten la seguridad que seguiremos defendiendo nuestros principios, ya sea en los Juzgados y Tribunales, ya sea en los medios de comunicación, ya sea ante los organismos públicos, o por redes sociales.






La familia se merece todos nuestros esfuerzos por eso en este 2017 la familia será la institución nuclear sobre la que girarán todas la actividades del Centro Jurídico Tomás Moro sin olvidar el resto de proyectos que venimos desarrollando desde hace más de 12 años.


Agradeciéndote tu atención, un saludo






Todo el equipo del Centro Jurídico Tomás Moro











Puedes ayudarnos de las siguientes formas:


- Viendo el vídeo en el siguiente enlace: https://www.youtube.com/watch?v=GBtJ-ZX9978


- Reenviando este correo a tres personas de tu confianza.


- Compartiendo en redes sociales.


- Haciendo una donación pulsando en el siguiente enlace: http://www.tomasmoro.info/nosotros/donar/

Donación.Para conservar nuestra independencia no recibimos ningún tipo de subvención pública. Nuestras actuaciones se mantienen mediante la contribución voluntaria de la sociedad civil. Su ayuda nos es necesario para seguir luchando por sus derechos. Nuestro pequeño equipo le asegura sacar el máximo provecho de todas las donaciones, aún de las más pequeñas.


Haga una donación ahora. Puede realizar su donación por transferencia bancaria: BBVA, 0182-4016-05-0208517204 (IBAN ES72) , por cheque (sólo nominativos al Centro de Estudios Jurídicos Tomás Moro, C/ Velázquez 109, 1º Izd. 28006 Madrid), y por por paypal ( utilizando el siguiente enlace http://www.tomasmoro.info/nosotros/donar/ )






Protección de datos. Todos los datos personales utilizados para este envío han sido incluidos en un fichero, cuyo responsable de seguridad es el Centro Jurídico Tomás Moro, con la finalidad de informarle de nuestros servicios, quedando sometidos a las garantías establecidas en la L.O.P.D. (Ley 15/1999) y Normativa de Desarrollo. La Asociación Centro Jurídico Tomás Moro le informa de la posibilidad de ejercitar, conforme a dicha normativa, los derechos de acceso, rectificación, cancelación y oposición dirigiendo un escrito a la siguiente dirección: info@tomas-moro.org .Advertencia legal. Este correo ha sido enviado por haber firmado alguna vez alguna de nuestras alertas ciudadanas o estar suscrito a nuestro servicio de newsletter.












Este email fue enviado a lorenzo_scarola@fastwebnet.it, pulse aquí para cancelar la suscripción.



www.tomasmoro.info - info@tomas-moro.org



























France Calls Trump Embassy Move a 'Provocation'; Kerry Says US will Prevent UN Resolution after Paris; UK Snubs Paris Summit





Paris Peace Summit ‘Flat as a Failed Souffle,’ Israel Says







Palestinian Official: ‘Gates of Hell will Open’ if Trump Moves Embassy to Jerusalem







France Calls Trump Plan to Move US Embassy to Jerusalem a ‘Provocation’
















Kerry tells Netanyahu: US will prevent follow-up UN resolution in Paris






Netanyahu: Paris conference ‘distances peace’






WATCH: ‘Mad Dog’ Mattis says ‘nothing easy about 2-state solution’






UK snubs Paris summit in deference to Trump






Israeli ambassador warns of last-minute UN initiative









Syria calls for UN to punish Israel for alleged airstrike






WATCH: Jewish MLB stars join Israel’s national baseball team






South African opposition leader visits Israel, defying government policy






WATCH: Iran is a ‘Clear and Present Danger’ to Israel, the US and the World






IDF destroys Hamas target in response to fire from Gaza

















www.worldisraelnews.com




info@worldisraelnews.com






STAY CONNECTED









CLICK HERE TO FORWARD THIS EMAIL TO YOUR FRIENDS.


Unsubscribe instantly from the WIN Newsletter by clicking here.


To change your name or email address click here






















Learn more about Open Doors South Africa.


Is this email not displaying correctly?

View it in your browser.

















NO TURNING BACK

One of the blessings of teaching Standing Strong Through The Storm (SSTS) is the opportunity to meet special people in ministry who, though unassuming at first glance, have experienced deep riches in relationship with Jesus. Such a person I met in a jungle camp seminar in central Sri Lanka.




His English name was Samuel and he was a seasoned church planter. From Samuel I learned that church planting in a Buddhist country is no easier than anywhere else religious intolerance raises its head. I always thought Buddhism was a pacifist religion and philosophically it is. But try and plant a church in a dominant Buddhist community and you will see something different.




One day Samuel began to share with me about his ministry. He had been dedicated to the Buddhist temple as a young child by his mother just like his biblical namesake. As a young monk he was impressed by the witness of a Christian youth who led him to faith in Christ. He left temple life and felt called to be a Christian church planter. With his wife and two small children he moved to a new community and began to share Jesus. The villagers stoned his residence and when he would not desist, they burned it down.




He moved to another community and was attacked physically with severe wounds. In the next location the villagers schemed against him and his family. They cut the main posts of his home and worship centre. At night they tied rope to the posts and pulled them out while the family was asleep. He knew God was with him. Two large structural beams fell down parallel to where the children were sleeping and neither of them was touched.




He continued on and I finally interrupted with the question, “How many times did this happen and you had to move on?”




Samuel smiled and answered, “Thirteen times!”




Of course, in my western way of thinking I asked, “How could you continue on and persevere through so many attacks?”




He replied, “It’s like the song we sang this morning at the SSTS seminar, I have decided to follow Jesus, no turning back!” And he quickly went on to say with a bigger smile, “Last month twenty-five people in my new community were baptised and I currently have another twenty- five in a baptismal preparation class.”




Jesus gives strength to carry on and not turn back.





RESPONSE:


Today I resolve to not allow petty challenges dampen my commitment to follow Jesus.




PRAYER:


Thank You, Lord, for Samuel’s testimony of Your faithfulness. Help me never to turn back from following and serving You.





Jesus replied, “No one who puts a hand to the plow and looks back is fit for service in the Kingdom of God.”
(Luke 9:62)












Join us on Facebook

and follow us on Twitter


for real-time persecution updates.



Copyright © 2014 Open Doors South Africa, All rights reserved.

You are receiving this e-mail because you opted in on our Open Doors website or at an Open Doors meeting.

Our mailing address is:


Open Doors Southern Africa


P O Box 1771


Cresta

Johannesburg, Gauteng 2118


South Africa




Add us to your address book



unsubscribe from this list | update subscription preferences






















Rothshit: una dinastia di merde putrefatte

Pubblicato il gennaio 14, 2013 di sporchibanchieri






Biografia di una famiglia di banchieri depredatori.




I Rothshit sono una famiglia apparentemente europea, di origine extraterrestre, proveniente dalla costellazione di Orione. Istituirono la truffa del sistema bancario sulla terra in tempi remoti, sviluppandola e perfezionandola a partire dal XVIII secolo.

Il primo essere noto per aver utilizzato il cognome “Rothshit” fu Merdman Kali Rothshit, nato nel 1666 a.C. (anti Cristo). Il nome deriva dal labeatico antico e significa “merda putrefatta”.

L’intensificazione degli atti predatori della famiglia si ebbe a partire dal 1744, con la nascita di Iamashit Mayor Rothshit nelle isole Aleutine, in Alaska. Figlio di Iamashit Merdman Rothshit, un cambiavalute tira-sòle che era riuscito a truffare il Langravio di Turingia, Iamashit Mayor sviluppò una famigerata organizzazione criminale camuffata da istituto finanziario. Installò i suoi cinque figli nei centri nevralgici finanziari del Vecchio Mondo per poter facilmente manipolarne l’economia.

Lo stemma dei Rothshit contiene un paio di mani intente ad arraffare un bottino , in riferimento al Salmo 666: “Come fecce dalle mani lunghe”, un porco con le ali, tagli di maiale ed un escremento centrale. Sotto lo scudo, il motto di famiglia: Concordia, Andrea Doria, Titanic.




John Paul Johnson ebbe a dire: “I Rothshit sono un po’ paraculi ed elusivi. Non c’è nessun libro su di loro che sia rivelatore ed accurato. Biblioteche di sciocchezze sono state scritte su di loro. Una donna che intendeva scrivere un libro intitolato Fregnacce sui Rothshit lo abbandonò dicendo che era stato relativamente facile sgamare le fregnacce ma che non era stato possibile scoprire la verità”. Disse anche che, a differenza delle antiche famiglie predatorie di grigi provenienti da Orione che fregavano ma ogni tanto venivano anche fregate, il nuovo sistema criminale ideato dai Rothshit risultava impenetrabile agli attacchi locali. La loro fortuna ed il loro più grande bene divennero i debiti. Si fecero ricchi campando sulle disgrazie dei comuni mortali.




Parte essenziale della strategia dei Rothshit furono i meticolosi incesti e matrimoni combinati, all’interno della stessa famiglia, tra cugini e cugine (non c’è cosa più divina…).




https://sporchibanchieri.wordpress.com/2013/01/13/delegittimazione-dellordinamento-giuridico-italiano/







Nel corso dei secoli il nome Rothshit ha subìto leggere variazioni, dipendendo anche dai dialetti locali parlati nei rispettivi paesi in cui hanno radicato i vari rami della famiglia. Per esempio, nelle aree di lingua anglosassone, è possibile riscontrare le alterazioni “Wrongshit”, “Bullshit”, “Rottenshit”, “Hotshit” e “Whoreship”.




I Rothshit sono da sempre stati involucrati in praticamente tutte le guerre di questo mondo, finanziando entrambe le parti in conflitto con prestiti usurai.

Durante le guerre napoleoniche, Nathan Never Rothshit incrementò notevolmente il patrimonio familiare, approfittandosi dell’Europa distrutta dai combattimenti, costruendo una rete di agenti doppiogiochisti e spie addestrate a rubare informazioni politiche e finanziare, diffondendo deliberatamente notizie false agli stessi governi che finanziavano.




Durante i primi anni del XIX secolo il ramo italiano della famiglia Rothshit strinse rapporti con la Banca Vaticana, sodalizio che proseguì per tutto il secolo successivo. Quando Papa Gregorio XVI incontrò Kul fan Rothshit nel 1832, i presenti rimasero scioccati nell’osservare che a Rothshit non fu chiesto di baciare i piedi al Papa, come richiesto allora a tutti i visitatori, compresi i monarchi.

Nella Jewish Encyclopedia pubblicata fra il 1901 e il 1906, a pagina 497 del secondo volume, venne riportato: “I Rothshit sono i guardiani del tesoro papale”.



















← Quel che rimane del Partito Democratico

Obsolescenza programmata e morte legale →

Come funziona il mondo degli affari

Pubblicato il maggio 23, 2013 di sporchibanchieri






Diventare ricchi in tre mosse.




Se non avete ancora capito come funzionano gli affari su questo mondo, riportiamo un chiaro e illuminato esempio qui di seguito.




Padre: «Figlio, dovrai sposarti la ragazza che ho scelto per te».

Figlio: «No!».

Padre: «È la figlia di Bill Gates».

Figlio: «Allora va bene».




Il padre va da Bill Gates.

Padre: «Voglio che tua figlia sposi mio figlio».

Bill Gates: « No!».

Padre: «È l’amministratore delegato della Banca Mondiale».

Bill Gates: «Allora va bene».




Il padre va dal presidente della Banca Mondiale.

Padre: «Nomina mio figlio amministratore delegato della Banca Mondiale».

Presidente della Banca Mondiale: «No!».

Padre: «È il genero di Bill Gates».

Presidente della Banca Mondiale: «Allora va bene».




Ecco come funziona il mondo degli affari!




Articoli recenti

Idolatria del potere

Rosy Bindi protegge la Mafia?

Il Governo delle larghe Intese Sanpaolo

Come aiutare i popoli della Terra

Intervista integrale a Erich Priebke del luglio 2013










Gli articoli meno visitati










Gli articoli più visitati















Sporchi Banchieri Tags

Banca Banca d'Italia Banca Intesa SanPaolo Banche Banchieri depredatori Banconote Bankitalia Bugiardo Cash Cashless society Contante Convenzione monetaria Costa Rica Costituzione Debito Delegittimazione Denaro Dimezzamento numero parlamentari Euro Evasione fiscale Fare per Fermare il Declino Fregature Giacinto Auriti Giornalista dandy Giornalisti Iamashit Mayor ImpEuro Interesse Interessi isole Aleutine l'Espresso Langravio di Turingia Legge Leggi Libero Quotidiano Manco Manuele Marsili Mario Monti Marionetta Mario Smonti Massimiliano Fotti Master Maurizio Belpietro Merde putrefatte Merdman Millantatore Moneta Moneta elettronica Monte dei Fiaschi Mo Vi Mento Movimento 5 Stelle Mutui Ordinamento giuridico italiano Ordine dei Sith Organizzazioni Criminali Oscar Giannino Paradisi fiscali Partito Democratico PD Pier Luigi Bersani Razzismo Recepire Repubblica Rothshit Signoraggio Bancario Signori Oscuri Silvio Berlusconi Soldi virtuali Sovranità monetaria Sporchi Banchieri Tweets University of Chicago Booth School of Business Valore indotto Vaselina Veri evasori Walter Vezzoli





























































































Archivi

novembre 2013

ottobre 2013

agosto 2013

luglio 2013

giugno 2013

maggio 2013

aprile 2013

marzo 2013

febbraio 2013

gennaio 2013




Categorie

Banche

Diritto & Giurisprudenza

Ecologia & Natura

Economia

Giornalismo & Informazione

Politica

Simbologia & Simbolismo

Sondaggi

Storia




© Riproduzione riservata

I contenuti di questo Sito sono protetti dal diritto d'autore e dai diritti di proprietà intellettuale di sporchibanchieri.wordpress.com e di altri soggetti terzi. È vietata la riproduzione, in tutto o in parte, in qualsiasi forma, di questo Sito dei suoi Contenuti, senza il consenso espresso in forma scritta di sporchibanchieri.wordpress.com e dei titolari dei relativi diritti. sporchibanchieri.wordpress.com e i titolari dei relativi diritti hanno il diritto esclusivo di rivendicare la proprietà di ogni Contenuto pubblicato su questo sito e di opporsi a qualunque utilizzo, deformazione o modifica del Contenuto. Qualunque riproduzione, pubblicazione, distribuzione, esposizione, modifica, creazione di opere derivate o sfruttamento in qualsiasi forma dei Contenuti, con il consenso espresso in forma scritta da sporchibanchieri.wordpress.com o dagli altri titolari dei diritti, dovrà essere effettuata esclusivamente per fini leciti e unicamente in conformità con le leggi applicabili.










Articoli collegati







L'Egitto copia l'Italia e sospende la CostituzioneIn "Diritto & Giurisprudenza"




Auriti, il valore indotto e la proprietà della monetaIn "Banche"




Quel che rimane del Partito DemocraticoIn "Politica"

Questa voce è stata pubblicata in Diritto & Giurisprudenza e contrassegnata con Costituzione, Delegittimazione, Legge, Leggi, Ordinamento giuridico italiano, Recepire, Repubblica. Contrassegna il permalink.













Delegittimazione dell’ordinamento giuridico italiano

Pubblicato il gennaio 13, 2013 di sporchibanchieri






Il popolo italiano è l’unico fesso a recepire la Legge di una Repubblica che non esiste.




Qual è la base, il pilastro, dell’ordinamento giuridico italiano? Qual è la legge fondamentale dello Stato e fondativa della Repubblica italiana? Lo sanno anche i bambini: la Costituzione.

E qual è il fulcro della Costituzione italiana, il primo articolo, la condizione necessaria, la premessa dalla quale scaturiscono tutte le altre leggi? È ovviamente l’articolo uno (Art. 1) che recita: “L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione”.

La semplicità e la chiarezza dell’enunciato rispecchiano la volontà dei padri costituenti di rendere comprensibile a tutti, a scanso di equivoci, i principi fondamentali della Costituzione (articoli 1-12), fonte principale del diritto.




È fin troppo evidente che, venendo meno le fondamenta, venga giù tutto il resto.

La disoccupazione, la mancanza di lavoro in Italia costituisce un fatto notorio.

Risulta quindi tautologico che l’Italia non sia una Repubblica, ergo tutte le leggi ad essa relazionate non hanno valore.

La delegittimazione dell’ordinamento giuridico italiano si riscontra anche negli elementi costitutivi della Repubblica Italiana, ad esempio le regioni.

Come molti sapranno, infatti, la Regione Lombardia si rifiuta di recepire la legge nazionale sul limite di due mandati relativa al presidente di regione. L’abusivo Formicojoni, al quarto mandato, è tutt’ora incollato alla poltrona dopo quasi un ventennio!




D’altra parte l’Italia stessa è stata bacchettata e sanzionata più volte per non recepire leggi europee, come ad esempio quelle relative alla gestione e protezione delle acque o la direttiva sui rimpatri (n. 2008/115/CE riguardante le norme e le procedure comuni applicabili negli Stati membri per il rimpatrio di extracomunitari in caso di soggiorno irregolare).

Anche la Santa Sede da qualche anno ha smesso di recepire le leggi italiane poichè troppe, illogiche e contradditorie, modificando una consuetudine che andava avanti dal ’29.




La delegittimazione dell’ordinamento giuridico italiano si insinua pure nel Parlamento della Repubblica, con un centinaio di parlamentari fra condannati, indagati, imputati e prescritti. Criminali che fanno le leggi. È una vecchia storia già ampliamente dibattuta.

Gli unici fessi a recepire la Legge di una Repubblica che non esiste sono i cosiddetti italiani onesti.

Nuovo utente registrato sul sito Blog di noahnephilim:

Nome utente: delmurch993

Email: +++@omnikredyt.ionic.pl
















Se non visualizzi correttamente questo messaggio, fai click qui





15 Gennaio 2017 - 17 Tevet 5777


























Benedetto Carucci Viterbi,

rabbino


Nella grotta di Machpelà - mentre viene sepolto Giacobbe - rotola anche la testa di Easù, che si poggia sul petto del padre Isacco. Evidentemente la sua dimensione intellettuale è di tale levatura da meritare di stare lì, insieme ai patriarchi. Differenza tra chi lavora su di sé solo di testa e chi lo fa integralmente: Giacobbe, come dice il suo nome - che mantiene anche dopo essere diventato Israel - si è elevato dalla testa al tallone ('eqev), dell'intelletto alla parte più bassa e meno sensibile del corpo.





David Bidussa,

storico sociale

delle idee


“Se temiamo di introdurre il buon umore nella religione – scrive Shaftesbury nella sua Lettera sul fanatismo – o di pensare con libertà e gioia a un soggetto come Dio, è perché lo concepiamo come noi stessi, e non possediamo una nozione di maestà e grandezza che non sia associata alla solennità e alla cupezza”. Qualsiasi esperienza collettiva che a-priori espelle l’ironia è destinata a divenire dittatoriale, perché non disposta a sopportare un’opinione diversa dalla propria.

A Stéphane Charbonnier, Jean Cabut, Georges David Wolinski, Bernard Verlhac, Philippe Honoré, Mustapha Ourrad, Elsa Cayat, Bernard Maris, Michel Renaud, Frederic Boisseau, Ahmed Merabet, Franck Brinsolaro. Alle donne e agli uomini di “Charlie Hebdo”per averci fatto pensare attraverso l’ironia e non fare della guerra al fanatismo solo un conflitto di forza, ma anche, e soprattutto, di intelligenza.








Conferenza di Parigi al via Al tavolo senza Israele


Si svolgerà oggi a Parigi la conferenza internazionale dedicata al Medio Oriente. La seconda sul tema dopo quella del tre giugno scorso con il segretario di Stato americano John Kerry e una trentina di paesi. “Ecco oggi la seconda conferenza, con il segretario Kerry e stavolta una settantina di Paesi. Le possibilità che si raggiunga qualche risultato concreto sono ancora più scarse” scrive il Corriere.

Come noto, Israele non parteciperà. Uno “schiaffo a Hollande”, scrive sempre il Corriere.

Ieri intanto Abu Mazen, che ha incontrato papa Bergoglio e inaugurato l’ambasciata palestinese presso la Santa Sede, ha lanciato il seguente messaggio a Donald Trump: “Mai la vostra ambasciata a Gerusalemme” (La Stampa).

“Per un’ora e mezza i militanti di Forza Nuova si sono goduti la location che a Milano nessuna formazione di estrema destra, per nessuna manifestazione, ha mai avuto in concessione. Mai. Da nessuna giunta”. Così Repubblica Milano racconta il raduno svoltosi ieri nel cuore del capoluogo lombardo, davanti all’Arco della Pace.

Sull’inaugurazione dell’ambasciata palestinese, un intervento della presidente della Comunità ebraica romana Ruth Dureghello sul Tempo: “Il Vaticano ha fatto un passo avanti perchè sulla carta lo Stato palestinese non esiste, visto che non esiste un’autorità sovrana a Gaza e Cisgiordania. Per una pace duratura servono regole chiare e non riconoscimenti unilaterali”.

Sul domenicale del Sole 24 Ore, ampia presentazione dei temi che saranno toccati in occasione del Concerto per la Memoria che si svolgerà la sera del 26 gennaio all’Auditorium Parco della Musica. Protagonista il campo di Ferramonti, in Calabria, dove gli internati svilupparono “una vita comunitaria e artistica molto ricca”.

L’iniziativa è organizzata da Viviana Kasam e Marilena Francese con il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri per il Giorno, sotto l’egida dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane e in collaborazione con l’Accademia di Santa Cecilia.



Leggi






la riunione in svolgimento a roma
L'identità declinata al futuro


Consiglio UCEI a confronto
Identità e presenza ebraica, quale scenario per il futuro?
Questo il tema che ha segnato la prima parte della riunione del Consiglio dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane in svolgimento a Roma.
Tema, di grande attualità, che è stato al centro di molteplici interventi e riflessioni.
Ad aprire la sessione un inquadramento generale del professor Sergio Della Pergola, tra i massimi esperti di demografia al mondo, che ha permesso di cogliere differenze e analogie tra le varie Comunità anche in relazione ai fenomeni avvenuti a livello macro in questi ultimi decenni. Fenomeni che hanno cambiato, tra le altre, la realtà di Israele ma soprattutto il volto della Diaspora: i tassi di natalità e il tema dei matrimoni misti, ha spiegato Della Pergola, sono soltanto alcune delle questioni che stanno modificando il mondo ebraico.
“Identità e futuro” le parole chiave individuate dal rabbino capo di Roma Riccardo Di Segni, che ha parlato sia di emergenza demografica che di emergenza qualitativa del modo in cui da alcuni viene vissuto il proprio ebraismo. Da parte del rav, che ha fornito alcuni dati relativi alle principali criticità (tra cui il calo vistoso delle nascite rispetto agli Sessanta e Settanta del secolo scorso), è arrivato l’invito a prendere atto dei fenomeni in tutta la loro grandezza e ad intervenire con strumenti più aggiornati e organizzati.
Le principali difficoltà sono state analizzate anche dal professor Gabriel Levi, che ha comparato la realtà numerica dell’ebraismo italiano di pochi decenni fa con quella odierna. Un drastico calo, molti problemi aperti. Una via d’uscita però ci sarebbe: è nella Torah, dice il professore. Ma in una Torah condivisa, non per “pochi ma buoni”. È nella capacità di non escludere chi si ritiene diverso da noi, di non perdere nessuno per strada.
L’invito alla leadership UCEI dello storico sociale delle idee David Bidussa, in collegamento telefonico da Milano, è a guardare ai paesi più vicini all’Italia, a stringere alleanze, a rafforzare relazioni e progettualità. È pressante la sfida di ripensarci, afferma lo studioso. Ma questa crescita non può avvenire da soli, con le esigue forze numeriche di cui dispone l’ebraismo italiano. Serve una rete sempre più estesa. Serve una capacità reale di andare oltre le frontiere.
Introdotti dal sociologo Enrico Finzi, sono poi intervenuti con alcune riflessioni diversi esponenti del Consiglio UCEI. Queste le domande poste da Finzi: “Abbiamo un futuro? Come pensiamo di avere quella propositività che ci spinge in quella direzione?”.
Nessuno deve sentirsi escluso, l’accoglienza va rinforzata. Un concetto chiaramente sostenuto da tutti i protagonisti.
Ad aprire gli interventi una riflessione di Joyce Bigio, prima esponente reform nel Consiglio UCEI, cui hanno fatto seguito le parole di Raffaele Sassun, Guido Osimo, Gianni Ascarelli, Davide Romanin Jacur, Livia Ottolenghi, Gianluca Pontecorvo, Mauro Tabor, Victor Magiar, Jacqueline Fellus, Raffaele Turiel, Roberto Israel, Elisabetta Innerhofer, Mino Di Porto, Ruth Dureghello, Cobi Benatoff, rav Alfonso Arbib, Saul Meghnagi, Sara Modena, Dalia Gubbay, Giorgio Mortara, Claudio Moscati, Sara Cividalli, Davide Jona Falco e Milo Hasbani.
A partecipare alla sessione anche il rabbino chabad Shalom Hazan e il presidente dell’Unione Giovani Ebrei d’Italia Ariel Nacamulli.

Leggi





il vertice sul medio oriente
Parigi, la Conferenza nel caos


Netanyahu: 'Non aiuta la pace'
“Un completo caos su quale sarà la dichiarazione finale”. Secondo le indiscrezioni riportate dai media israeliani, tra i diplomatici raccoltisi a Parigi in queste ore per la Conferenza di pace in Medio Oriente c’è una forte confusione su quale testo far emergere dal summit, organizzato dalla Francia e incentrato sulla questione del conflitto israelo-palestinese. Un vertice a cui partecipano i rappresentanti di oltre 70 paesi ma tra cui spicca l’assenza dei diretti interessati – israeliani e palestinesi – seppur per motivi diversi: se Abu Mazen ha appoggiato la Conferenza, definendola “l’ultima possibilità per portare avanti la soluzione dei due Stati”, il Primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha invece sottolineato come si tratti di un incontro schiacciato sulle posizioni palestinesi e di fatto inutile. “L’unico scopo (della Conferenza) è quello di tentare di costringere Israele ad accettare condizioni in contrasto con i nostri interessi nazionali”, ha affermato Netanyahu, spiegando che il summit “danneggia la possibilità della pace, in quanto rafforza il rifiuto dei palestinesi di negoziare e permette loro di ignorare la necessità di compromessi senza porre precondizioni”.
Leggi







QUI TEL AVIV - L'INIZIATIVA
Da Israele alla Firenze del '66


Il grande cuore degli "Angeli"
Partirono anche da Israele, con la voglia di dare una mano, salvare una città e i suoi tesori. Non sono più i ragazzi di un tempo, ma quella luce non si è spenta. “Angeli del fango”, d’altronde, lo si è per sempre.
Non ha nascosto l’emozione il sindaco di Firenze, Dario Nardella, nell’abbracciarli ieri sera al Neve Schechter Institute di Tel Aviv. Una delle tappe più significative della quattro giorni di impegni istituzionali in Israele del primo cittadino del capoluogo toscano.
Tra le varie iniziative, l’evento “Fuggire, nascondersi, salvarsi a Firenze durante la Shoah” in programma questa sera al Museo Eretz Israel. Ad intervenire Giulia Donati, Aldo Baquis e David Cassuto.
Nell’occasione il liutaio Amnon Weinstein presenterà “Violins of Hope”, il suo progetto di recupero degli strumenti musicali salvati dai campi di sterminio.
Ad accompagnare il sindaco Nardella anche l'ambasciatore italiano in Israele Francesco Maria Talò.

Clicca qui per leggere l'intervista a David Cassuto













Fiat veritas, et pereat mundus


Afferma una oramai proverbiale (ed anche un poco inflazionata, quanto meno nelle citazioni, ma la licenza ce la prendiamo lo stesso, in questo caso) Hannah Arendt in «Verità e politica» che: «Nessuno ha mai dubitato del fatto che verità e politica siano in rapporti piuttosto cattivi l’una con l’altra e nessuno, che io sappia, ha mai annoverato la sincerità tra le virtù politiche. Le menzogne sono sempre state considerate dei necessari e legittimi strumenti non solo del mestiere del politico o del demagogo, ma anche di quello dello statista». Più che cinica sarebbe il caso di riconoscere che sia realistica, al limite dell’impietoso. Poco più in là, nel medesimo testo, aggiunge: «Probabilmente nessuna epoca passata ha tollerato tante opinioni diverse su questioni religiose o filosofiche; la verità di fatto, però, qualora capiti che si opponga al profitto o al piacere di un dato gruppo, è accolta oggi con un’ostilità maggiore che in passato». Forse, per ragionare sulla cosiddetta “post-verità” (qualora esista), sulla Misinformation e quant’altro partendo da qualche riscontro storico, più che pensare che l’età che stiamo vivendo sia di per sé (e in sé) eccezionale, magari nel senso più deteriore dell’espressione, sarebbe bene riprendere in mano la filosofa germano-statunitense, insieme ad un’altra figura del pensiero contemporaneo, quando quest’ultimo afferma che: «non è la coscienza degli uomini che determina il loro essere, ma è, al contrario, il loro essere sociale che determina la loro coscienza». Le bufale esistono soprattutto perché si vuole credere ad esse. Sono come una specie di verità parallela, una sorta di risarcimento temporaneo, un sogno possibile perché desiderato che si trasforma, ben presto, in incubo. Non è vero che la realtà, ossia anche la politica (cosa diversa dalla «verità» come tale), sia necessariamente inconoscibile, sommersi come saremmo da un eccesso di sollecitazioni. Semmai è lo sguardo che vogliamo rivolgere ad essa che muta, risultandoci spesso insostenibile. Abbiamo pertanto bisogno sempre più spesso di trovare un qualche rifugio consolatorio. Ci fingiamo quindi “ignoranti” quando ci occorre di trascurare ciò che ci angoscia, impedendoci di vedere oltre un orizzonte che non sia quello dei timori senza risarcimento. Salvo poi rischiare un brusco risveglio. Se non affronti la realtà sarà lei a imporsi a te medesimo. Più prima che poi.

Claudio Vercelli








Levi Papers - Le notti


I fogli dattiloscritti recano il numero 19. Vanno aggiunti al capitolo Le nostre notti. Levi ha battuto a macchina due fogli e ha indicato la giuntura con l’edizione del 1947 in fondo al dattiloscritto. Per questo ha ribattuto quello che nell’edizione del 1947 di Se questo è un uomo è l’inizio del capitolo: “D’inverno, le notti sono lunghe… [segue come a pag. 52]”. Ora i due fogli precedono quell’inizio. L’aggiunta del 1958 cambia il significato del capitolo. Nel primo foglio Levi fa un riassunto dei fatti (“Dopo venti giorni di Ka-Be, essendosi la mia ferita praticamente rimarginata, con mio vivo dispiacere sono stato messo in uscita”); poi racconta cosa avviene dopo la sua uscita dalla infermeria. Il nuovo inizio di capitolo ricorda quello de Il greco nella Tregua, dove c’è un’altra dimissione dall’infermeria, quella del Campo Grande di Auschwitz. Due differenti uscite da un luogo protetto, che hanno qualcosa di simile.




Marco Belpoliti, scrittore

Leggi


















 

Pagine Ebraiche 24, l'Unione Informa e Bokertov sono pubblicazioni edite dall'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane. L'UCEI sviluppa mezzi di comunicazione che incoraggiano la conoscenza e il confronto delle realtà ebraiche. Gli articoli e i commenti pubblicati, a meno che non sia espressamente indicato il contrario, non possono essere intesi come una presa di posizione ufficiale, ma solo come la autonoma espressione delle persone che li firmano e che si sono rese gratuitamente disponibili. Gli utenti che fossero interessati a offrire un proprio contributo possono rivolgersi all'indirizzo desk@ucei.it Avete ricevuto questo messaggio perché avete trasmesso a Ucei l'autorizzazione a comunicare con voi. Se non desiderate ricevere ulteriori comunicazioni o se volete comunicare un nuovo indirizzo e-mail, scrivete a: desk@ucei.it indicando nell'oggetto del messaggio "cancella" o "modifica". © UCEI - Tutti i diritti riservati - I testi possono essere riprodotti solo dopo aver ottenuto l'autorizzazione scritta della Direzione. l'Unione informa - notiziario quotidiano dell'ebraismo italiano - Reg. Tribunale di Roma 199/2009 - direttore responsabile: Guido Vitale.