Genocide Advocated Talmud

Genocide Advocated by the Talmud

Minor Tractates. Soferim 15, Rule 10. This is the saying of Rabbi Simon ben Yohai: Tob shebe goyyim harog ("Even the best of the gentiles should all be killed").

This passage is from the original Hebrew of the Babylonian Talmud as quoted by the 1907 Jewish Encyclopedia, published by Funk and Wagnalls and compiled by Isidore Singer, under the entry, "Gentile," (p. 617).

This original Talmud passage has been concealed in translation. The Jewish Encyclopedia states that, "...in the various versions the reading has been altered, 'The best among the Egyptians' being generally substituted." In the Soncino version: "the best of the heathens" (Minor Tractates, Soferim 41a-b].

Israelis annually take part in a national pilgrimage to the grave of Simon ben Yohai, to honor this rabbi who advocated the extermination of non-Jews. (Jewish Press, June 9, 1989, p. 56B).

On Purim, Feb. 25, 1994, Israeli army officer Baruch Goldstein, an orthodox Jew from Brooklyn, massacred 40 Palestinian civilians, including children, while they knelt in prayer in a mosque. Goldstein was a disciple of the late Brooklyn Rabbi Meir Kahane, who told CBS News that his teaching that Arabs are "dogs" is derived "from the Talmud." (CBS 60 Minutes, "Kahane").

University of Jerusalem Prof. Ehud Sprinzak described Kahane and Goldstein's philosophy: "They believe it's God's will that they commit violence against goyim, a Hebrew term for non-Jews." (NY Daily News, Feb. 26, 1994, p. 5).

Rabbi Yitzhak Ginsburg declared, "We have to recognize that Jewish blood and the blood of a goy are not the same thing." (NY Times, June 6, 1989, p.5).

Rabbi Yaacov Perrin said, "One million Arabs are not worth a Jewish fingernail." (NY Daily News, Feb. 28, 1994, p.6).




Talmudic Doctrine: Non-Jews are not Human

The Talmud specifically defines all who are not Jews as non-human animals, and specifically dehumanizes Gentiles as not being descendants of Adam. Here are some of the Talmud passages which relate to this topic.

Kerithoth 6b: Uses of Oil of Anointing. "Our Rabbis have taught: He who pours the oil of anointing over cattle or vessels is not guilty; if over gentiles (goyim) or the dead, he is not guilty. The law relating to cattle and vessels is right, for it is written: "Upon the flesh of man (Adam), shall it not be poured (Exodus 30:32]); and cattle and vessels are not man (Adam).

"Also with regard to the dead, [it is plausible] that he is exempt, since after death one is called corpse and not a man (Adam). But why is one exempt in the case of gentiles (goyim); are they not in the category of man (Adam)? No, it is written: 'And ye my sheep, the sheep of my pasture, are man" (Adam); [Ezekiel 34:31]: Ye are called man (Adam) but gentiles (goyim) are not called man (Adam)."

In the preceding passage, the rabbis are discussing the portion of the Mosaic law which forbids applying the holy oil to men.

The Talmud states that it is not a sin to apply the holy oil to Gentiles, because Gentiles are not human beings (i.e. are not of Adam).

Another example from tractate Yebamoth 61a: "It was taught: And so did R. Simeon ben Yohai state (61a) that the graves of gentiles (goyim) do not impart levitical uncleanness by an ohel [standing or bending over a grave], for it is said, 'And ye my sheep the sheep of my pasture, are men (Adam), [Ezekiel 34:31]; you are called men (Adam) but the idolaters are not called men (Adam)."

The Old Testament Mosaic law states that touching a human corpse or the grave of a human imparts uncleanness to those who touch it. But the Talmud teaches that if a Jew touches the grave of a Gentile, the Jew is not rendered unclean, since Gentiles are not human (not of Adam).

From Baba Mezia 114b: ""A Jewish priest was standing in a graveyard. When asked why he was standing there in apparent violation of the Mosaic law, he replied that it was permissible, since the law only prohibits Jews from coming into contact with the graves of humans (Adamites), and he was standing in a gentile graveyard. For it has been taught by Rabbi Simon ben Yohai: 'The graves of gentiles [goyim] do not defile. For it is written, 'And ye my flock, the flock of my pastures, are men (Adam)' (Ezekiel 34:31); only ye are designated men (Adam)."

Ezekiel 34:31 is the alleged Biblical proof text repeatedly cited in the preceding three Talmud passages. But Ezekiel 34:31 does not in fact support the Talmudic notion that only Israelites are human. What these rabbinical, anti-Gentile racists and ideologues have done in asserting the preceding absurdities about Gentiles is distort an Old Testament passage in order to justify their bigotry.

In Berakoth 58a the Talmud uses Ezekiel 23:20 as proof of the sub-human status of gentiles. It also teaches that anyone (even a Jewish man) who reveals this Talmudic teaching about non-Jews deserves death, since revealing it makes Gentiles wrathful and causes the repression of Judaism.

The Talmudic citation of this scripture from Ezekiel as a "proof-text" is specious, since the passage does not prove that Gentiles are animals. The passage from Ezekiel only says that some Egyptians had large genital organs and copious emissions. This does not in any way prove or even connote that the Egyptians being referred to in the Bible were considered animals. Once again, the Talmud has falsified the Bible by means of distorted interpretation.

Other Talmud passages which expound on Ezekiel 23:20 in this racist fashion are: Arakin 19b, Berakoth 25b, Niddah 45a, Shabbath 150a, Yebamoth 98a. Moreover, the original text of Sanhedrin 37a applies God's approval only to the saving of Jewish lives (cf. the Hesronot Ha-shas, Cracow, 1894).




Moses Maimonides: Advocate of Extermination

We will now examine the post-Talmudic commentator Rambam (Moses Maimonides). This revered "sage" taught that Christians should be exterminated. He has the highest stature in Judaism:

"Moses Maimonides is considered the greatest codifier and philosopher in Jewish history. He is often affectionately referred to as the Rambam, after the initials of his name and title, Rabenu Moshe Ben Maimon, "Our Rabbi, Moses son of Maimon." [Maimonides' Principles, edited by Aryeh Kaplan, Union of Orthodox Jewish Congregations of America,, p. 3].

Here is what Maimonides (Rambam) taught concerning saving people's lives, especially concerning saving the lives of gentiles and Christians, or even Jews who dared to deny the "divine inspiration" of the Talmud:

Maimonides, Mishnah Torah, (Moznaim Publishing Corporation, Brooklyn, New York, 1990, Chapter 10, English Translation), p. 184: "Accordingly, if we see an idolater (gentile) being swept away or drowning in the river, we should not help him. If we see that his life is in danger, we should not save him." The Hebrew text of the Feldheim 1981 edition of Mishnah Torah states this as well.

Immediately after Maimonides' admonition that it is a duty for Jews not to save a drowning or perishing gentile, he informs us of the Talmudic duty of Jews towards Christians, and also towards Jews who deny the Talmud. Maimonides, Mishnah Torah, (Chapter 10), p. 184:

"It is a mitzvah [religious duty], however, to eradicate Jewish traitors, minnim, and apikorsim, and to cause them to descend to the pit of destruction, since they cause difficulty to the Jews and sway the people away from God, as did Jesus of Nazareth and his students, and Tzadok, Baithos, and their students. May the name of the wicked rot."

The Jewish publisher's commentary accompanying the preceding statement of Maimonides states that Jesus was an example of a min (plural: minnim).

The commentary also states that the students of Tzadok were defined as those Jews who deny the truth of the Talmud and who uphold only the written law (i.e. the Old Testament).

According to Maimonides' Principles, p. 5, Maimonides "spent twelve years extracting every decision and law from the Talmud, and arranging them all into 14 systematic volumes. The work was finally completed in 1180, and was called Mishnah Torah, or "Code of the Torah."

Maimonides taught in another part of the Mishnah Torah that gentiles are not human: "Man alone, and not vessels, can contract uncleanness by carriage. ...The corpse of a gentile, however, does not convey uncleanness by overshadowing. ...a gentile does not contract corpse uncleanness; and if a gentile touches, carries, or overshadows a corpse he is as one who did not touch it.

"To what is this like? It is like a beast which touches a corpse or overshadows it. And this applies not to corpse uncleanness only but to any other kind of uncleanness: neither gentiles nor cattle are susceptible to any uncleanness." (The Code of Maimonides, vol. 10, translated by Herbert Danby, Yale University Press, New Haven, 1954, pp. 8-9).

Maimonides, Mishneh Torah, Hilchot Rotze'ach 2:11: "A Jew who killed a righteous gentile is not executed in a court of law. It says in Exodus 21:14, 'If a man schemes against his fellow man and kills the man deliberately, take him away from the altar and put him to death.' But a gentile is not considered a man, and even more so, a Jew is not executed for killing an unrighteous gentile."








Hoffman Counters ADL's Talmud Apologia: Jesus and the Talmud: A Rejoinder




The Talmud´s Teachings Concerning Christians Unmasked
By Rev. I. B. Pranaitis




The Truth about the Talmud


A Documented Exposé of Jewish racist Hate Literature

By Michael Hoffman, foremost scholar of Judaism in the English-speaking world




Copyright ©2000-2006 by Michael A. Hoffman II All Rights Reserved
Introduction

The Talmud is Judaism's holiest book (actually a collection of books). Its authority takes precedence over the Old Testament in Judaism. Evidence of this may be found in the Talmud itself, Erubin 21b (Soncino edition): "My son, be more careful in the observance of the words of the Scribes than in the words of the Torah (Old Testament)."

The supremacy of the Talmud over the Bible in the Israeli state may also be seen in the case of the black Ethiopian Jews. Ethiopians are very knowledgeable of the Old Testament. However, their religion is so ancient it pre-dates the Scribes' Talmud, of which the Ethiopians have no knowledge. According to the N.Y. Times of Sept. 29, 1992, p.4:

"The problem is that Ethiopian Jewish tradition goes no further than the Bible or Torah; the later Talmud and other commentaries that form the basis of modern traditions never came their way."

Because they are not traffickers in Talmudic tradition, the black Ethiopian Jews are discriminated against and have been forbidden by the Zionists to perform marriages, funerals and other services in the Israeli state.

Rabbi Joseph D. Soloveitchik is regarded as one of the most influential rabbis of the 20th century, the "unchallenged leader" of Orthodox Judaism and the top international authority on halakha (Jewish religious law). Soloveitchik was responsible for instructing and ordaining more than 2,000 rabbis, "an entire generation" of Jewish leadership.

N.Y. Times religion reporter Ari Goldman described the basis of the rabbi's authority:

"Soloveitchik came from a long line of distinguished Talmudic scholars...Until his early 20s, he devoted himself almost exclusively to the study of the Talmud...He came to Yeshiva University's Elchanan Theological Seminary where he remained the pre-eminent teacher in the Talmud...He held the title of Leib Merkin professor of Talmud...sitting with his feet crossed in front of a table bearing an open volume of the Talmud." (N.Y. Times, April 10, 1993, p. 38).

Nowhere does Goldman refer to Soloveitchik's knowledge of the Bible as the basis for being one of the leading authorities on Jewish law.

The rabbi's credentials are all predicated upon his mastery of the Talmud. Other studies are clearly secondary. Britain's Jewish Chronicle of March 26, 1993 states that in religious school (yeshiva), Jews are "devoted to the Talmud to the exclusion of everything else."

The Talmud Nullifies the Bible

The Jewish Scribes claim the Talmud is partly a collection of traditions Moses gave them in oral form. These had not yet been written down in Jesus' time. Christ condemned the traditions of the Mishnah (early Talmud) and those who taught it (Scribes and Pharisees), because the Talmud nullifies the teachings of the Holy Bible.

Shmuel Safrai in The Literature of the Sages Part One (p.164), points out that in chapters 4 and 5 of the Talmud's Gittin Tractate, the Talmud nullifies the Biblical teaching concerning money-lending: "Hillel decreed the prozbul for the betterment of the world. The prozbul is a legal fiction which allows debts to be collected after the Sabbatical year and it was Hillel's intention thereby to overcome the fear that money-lenders had of losing their money."

The famous warning of Jesus Christ about the tradition of men that voids Scripture (Mark 7:1-13), is in fact, a direct reference to the Talmud, or more specifically, the forerunner of the first part of it, the Mishnah, which existed in oral form during Christ's lifetime, before being committed to writing. Mark chapter 7, from verse one through thirteen, represents Our Lord's pointed condemnation of the Mishnah.

Unfortunately, due to the abysmal ignorance of our day, the widespread "Judeo-Christian" notion is that the Old Testament is the supreme book of Judaism. But this is not so. The Pharisees teach for doctrine the commandments of rabbis, not God.

The Talmudic commentary on the Bible is their supreme law, and not the Bible itself. That commentary does indeed, as Jesus said, void the laws of God, not uphold them. As students of the Talmud, we know this to be true.

Jewish scholar Hyam Maccoby, in Judaism on Trial, quotes Rabbi Yehiel ben Joseph: "Further, without the Talmud, we would not be able to understand passages in the Bible...God has handed this authority to the sages and tradition is a necessity as well as scripture. The Sages also made enactments of their own...anyone who does not study the Talmud cannot understand Scripture."

There is a tiny Jewish sect which makes considerable effort to eschew Talmud and adhere to the Old Testament alone. These are the Karaites, a group which, historically, has been most hated and severely persecuted by orthodox Jewish rabbinate.

To the Mishnah the rabbis later added the Gemara (rabbinical commentaries). Together these comprise the Talmud. There are two versions, the Jerusalem Talmud and the Babylonian Talmud.

The Babylonian Talmud is regarded as the authoritative version: "The authority of the Babylonian Talmud is also greater than that of the Jerusalem Talmud. In cases of doubt the former is decisive." (R.C. Musaph-Andriesse, From Torah to Kabbalah: A Basic Introduction to the Writings of Judaism, p. 40).

This study is based on the Jewish-authorized Babylonian Talmud. We have published herein the authenticated sayings of the Jewish Talmud. Look them up for yourself.

We publish the following irrefutable documentation in the hope of liberating all people, including Jewish people, from the corrosive delusions and racism of this Talmudic hate literature, which is the manual of Orthodox and Hasidic Jews the world over.

The implementation by Jewish supremacists of Talmudic hate literature has caused untold suffering throughout history and now, in occupied Palestine, it is used as a justification for the mass murder of Palestinian civilians. The Talmud specifically defines all who are not Jews as non-human animals.



Some Teachings of the Jewish Talmud

Where a Jew Should Do Evil



Moed Kattan 17a: If a Jew is tempted to do evil he should go to a city where he is not known and do the evil there.

Penalty for Disobeying Rabbis

Erubin 21b. Whosoever disobeys the rabbis deserves death and will be punished by being boiled in hot excrement in hell.

Hitting a Jew is the same as hitting God

Sanhedrin 58b. If a heathen (gentile) hits a Jew, the gentile must be killed.

O.K. to Cheat Non-Jews

Sanhedrin 57a . A Jew need not pay a gentile ("Cuthean") the wages owed him for work.

Jews Have Superior Legal Status

Baba Kamma 37b. "If an ox of an Israelite gores an ox of a Canaanite there is no liability; but if an ox of a Canaanite gores an ox of an Israelite...the payment is to be in full."

Jews May Steal from Non-Jews

Baba Mezia 24a . If a Jew finds an object lost by a gentile ("heathen") it does not have to be returned. (Affirmed also in Baba Kamma 113b). Sanhedrin 76a. God will not spare a Jew who "marries his daughter to an old man or takes a wife for his infant son or returns a lost article to a Cuthean..."

Jews May Rob and Kill Non-Jews

Sanhedrin 57a . When a Jew murders a gentile ("Cuthean"), there will be no death penalty. What a Jew steals from a gentile he may keep.

Baba Kamma 37b. The gentiles are outside the protection of the law and God has "exposed their money to Israel."

Jews May Lie to Non-Jews

Baba Kamma 113a. Jews may use lies ("subterfuges") to circumvent a Gentile.

Non-Jewish Children are Sub-Human

Yebamoth 98a. All gentile children are animals.

Abodah Zarah 36b. Gentile girls are in a state of niddah (filth) from birth.

Abodah Zarah 22a-22b . Gentiles prefer sex with cows.

Insults Against Blessed Mary

Sanhedrin 106a . Says Jesus' mother was a whore: "She who was the descendant of princes and governors played the harlot with carpenters." Also in footnote #2 to Shabbath 104b of the Soncino edition, it is stated that in the "uncensored" text of the Talmud it is written that Jesus mother, "Miriam the hairdresser," had sex with many men.




Gloats over Christ Dying Young

A passage from Sanhedrin 106 gloats over the early age at which Jesus died: "Hast thou heard how old Balaam (Jesus) was?--He replied: It is not actually stated but since it is written, Bloody and deceitful men shall not live out half their days it follows that he was thirty-three or thirty-four years old."




Jesus in the Talmud:

Horrible Blasphemies Against Jesus Christ

While it is the standard disinformation practice of apologists for the Talmud to deny that it contains any scurrilous references to Jesus Christ, certain Orthodox Jewish organizations are more forthcoming and admit that the Talmud not only mentions Jesus but disparages him (as a sorcerer and a demented sex freak). These orthodox Jewish organizations make this admission perhaps out of the belief that Jewish supremacy is so well-established in the modern world that they need not concern themselves with adverse reactions.

For example, on the website of the Orthodox Jewish Hasidic Lubavitch group--one of the largest in the world--we find the following statement, complete with Talmudic citations:

"The Talmud (Babylonian edition) records other sins of 'Jesus the Nazarene':

1) He and his disciples practiced sorcery and black magic, led Jews astray into idolatry, and were sponsored by foreign, gentile powers for the purpose of subverting Jewish worship (Sanhedrin 43a).

2) He was sexually immoral, worshipped statues of stone (a brick is mentioned), was cut off from the Jewish people for his wickedness, and refused to repent (Sanhedrin 107b; Sotah 47a).

3) He learned witchcraft in Egypt and, to perform miracles, used procedures that involved cutting his flesh, which is also explicitly banned in the Bible (Shabbos 104b).

End quote from http://www.noahide.com/yeshu.htm (Lubavitch website) June 20, 2000.

[Note: we have printed and preserved in our files a hard copy of this statement from the Lubavitch"Noah's Covenant Website," as it appeared on their website at http://www.noahide.com on June 20, 2000, in the event that denials are later issued and the statement itself suppressed].

Let us examine further some of these anti-Christ Talmud passages:

Gittin 57a. Says Jesus is in hell, being boiled in "hot excrement."

Sanhedrin 43a. Says Jesus ("Yeshu" and in Soncino footnote #6, Yeshu "the Nazarene") was executed because he practiced sorcery: "It is taught that on the eve of Passover Jesus was hung, and forty days before this the proclamation was made: Jesus is to be stoned to death because he has practiced sorcery and has lured the people to idolatry...He was an enticer and of such thou shalt not pity or condone."

Kallah 51a."The elders were once sitting in the gate when two young lads passed by; one covered his head and the other uncovered his head. Of him who uncovered his head Rabbi Eliezer remarked that he is a bastard. Rabbi Joshua remarked that he is the son of a niddah (a child conceived during a woman's menstrual period). Rabbi Akiba said that he is both a bastard and a son of a niddah.

"They said, 'What induced you to contradict the opinion of your colleagues?' He replied, "I will prove it concerning him." He went to the lad's mother and found her sitting in the market selling beans.

"He said to her, 'My daughter, if you will answer the question I will put to you, I will bring you to the world to come.' (eternal life). She said to him, 'Swear it to me.'

"Rabbi Akiba, taking the oath with his lips but annulling it in his heart, said to her, 'What is the status of your son?' She replied, 'When I entered the bridal chamber I was niddah (menstruating) and my husband kept away from me; but my best man had intercourse with me and this son was born to me.' Consequently the child was both a bastard and the son of a niddah.

"It was declared, '..Blessed be the God of Israel Who Revealed His Secret to Rabbi Akiba..."

In addition to the theme that God rewards clever liars, the preceding Talmud discussion is actually about Jesus Christ (the bastard boy who "uncovered his head" and was conceived in the filth of menstruation). The boy's adulterous mother in this Talmud story is the mother of Christ, Blessed Mary (called Miriam and sometimes, Miriam the hairdresser, in the Talmud).




"The Editio Princeps of the complete Code of Talmudic Law, Maimonides' Mishneh Torah -- replete not only with the most offensive precepts against all Gentiles but also with explicit attacks on Christianity and on Jesus (after whose name the author adds piously, 'May the name of the wicked perish')... --Dr. Israel Shahak, Jewish History, Jewish Religion, p. 21.

"The Talmud contains a few explicit references to Jesus...These references are certainly not complimentary...There seems little doubt that the account of the execution of Jesus on the eve of Passover does refer to the Christian Jesus...The passage in which Jesus' punishment in hell is described also seems to refer to the Christian Jesus. It is a piece of anti-Christian polemic dating from the post-70 CE period..." --Hyam Maccoby, Judaism on Trial, pp. 26-27.

"According to the Talmud, Jesus was executed by a proper rabbinical court for idolatry, inciting other Jews to idolatry, and contempt of rabbinical authority. All classical Jewish sources which mention his execution are quite happy to take responsibility for it; in the talmudic account the Romans are not even mentioned.

"The more popular accounts--which were nevertheless taken quite seriously--such as the notorious Toldot Yeshu are even worse, for in addition to the above crimes they accuse him of witchcraft. The very name 'Jesus' was for Jews a symbol of all that is abominable and this popular tradition still persists...

"The Hebrew form of the name Jesus--Yeshu--was interpreted as an acronym for the curse, 'may his name and memory be wiped out,' which is used as an extreme form of abuse. In fact, anti-zionist Orthodox Jews (such as Neturey Qarta) sometimes refer to Herzl as 'Herzl Jesus' and I have found in religious zionist writings expressions such as "Nasser Jesus" and more recently 'Arafat Jesus." --Dr. Israel Shahak, Jewish History, Jewish Religion, pp. 97- 98, 118.

Talmud Attacks Christians and Christian Books

Rosh Hashanah 17a. Christians (minnim) and others who reject the Talmud will go to hell and be punished there for all generations.

Sanhedrin 90a. Those who read the New Testament ("uncanonical books") will have no portion in the world to come.

Shabbath 116a. Jews must destroy the books of the Christians, i.e. the New Testament.

Dr. Israel Shahak of Hebrew University reports that the Israelis burned hundreds of New Testament Bibles in occupied Palestine on March 23, 1980 (cf. Jewish History, Jewish Religion, p. 21).




Sick and Insane Teachings of the Talmud

Gittin 69a . To heal his flesh a Jew should take dust that lies within the shadow of an outdoor toilet, mix with honey and eat it.

Shabbath 41a. The law regulating the rule for how to urinate in a holy way is given.

Yebamoth 63a. States that Adam had sexual intercourse with all the animals in the Garden of Eden.

Yebamoth 63a. Declares that agriculture is the lowest of occupations.

Sanhedrin 55b. A Jew may marry a three year old girl (specifically, three years "and a day" old).

Sanhedrin 54b. A Jew may have sex with a child as long as the child is less than nine years old.

Kethuboth 11b. "When a grown-up man has intercourse with a little girl it is nothing."

Yebamoth 59b. A woman who had intercourse with a beast is eligible to marry a Jewish priest. A woman who has sex with a demon is also eligible to marry a Jewish priest.

Abodah Zarah 17a. States that there is not a whore in the world that the Talmudic sage Rabbi Eleazar has not had sex with. On one of his whorehouse romps, Rabbi Eleazar leanred that there was one particular prostitute residing in a whorehouse near the sea, who would receive a bag of money for her services. He took a bag of money and went to her, crossing seven rivers to do so. During their intercourse the prostitute farted. After this the whore told Rabbi Eleazar: "Just as this gas will never return to my anus, Rabbi Eleazar will never get to heaven."

Hagigah 27a. States that no rabbi can ever go to hell.

Baba Mezia 59b. A rabbi debates God and defeats Him. God admits the rabbi won the debate.

Gittin 70a. The Rabbis taught: "On coming from a privy (outdoor toilet) a man should not have sexual intercourse till he has waited long enough to walk half a mile, because the demon of the privy is with him for that time; if he does, his children will be epileptic."

Gittin 69b. To heal the disease of pleurisy ("catarrh") a Jew should "take the excrement of a white dog and knead it with balsam, but if he can possibly avoid it he should not eat the dog's excrement as it loosens the limbs."

Pesahim 111a. It is forbidden for dogs, women or palm trees to pass between two men, nor may others walk between dogs, women or palm trees. Special dangers are involved if the women are menstruating or sitting at a crossroads.

Menahoth 43b-44a. A Jewish man is obligated to say the following prayer every day: Thank you God for not making me a gentile, a woman or a slave.




Tall Tales of a Roman Holocaust

Here are two early "Holocaust" tales from the Talmud: Gittin 57b. Claims that four billion Jews were killed by the Romans in the city of Bethar. Gittin 58a claims that 16 million Jewish children were wrapped in scrolls and burned alive by the Romans. (Ancient demography indicates that there were not 16 million Jews in the entire world at that time, much less 16 million Jewish children or four billion Jews).




A Revealing Admission

Abodah Zarah 70a. The question was asked of the rabbi whether wine stolen in Pumbeditha might be used or if it was defiled, due to the fact that the thieves might have been gentiles (a gentile touching wine would make the wine unclean). The rabbi says not to worry, that the wine is permissible for Jewish use because the majority of the thieves in Pumbeditha, the place where the wine was stolen, are Jews. (Also cf. Gemara Rosh Hashanah 25b).




Pharisaic Rituals

Erubin 21b. "Rabbi Akiba said to him, "Give me some water to wash my hands."

"It will not suffice for drinking," the other complained, "will it suffice for washing your hands?"

"What can I do?' the former replied, "when for neglecting the words of the Rabbis one deserves death? It is better that I myself should die than that I transgress against the opinion of my colleagues." [This is the ritual hand washing condemned by Jesus in Matthew 15: 1-9].







Aggiungerò ora qualche parola a ciò che vi dissi alla nostra ultima assemblea, e vi farò una spiegazione dettagliata dei prestiti all'interno. Ma non discuterò ulteriormente i prestiti all'estero, perché essi hanno riempito i nostri forzieri di denaro tolto ai Gentili ed anche perché il nostro governo universale non avrà vicini esteri dai quali esso possa prendere a prestito.

Ci siamo serviti della corruzione degli amministratori e della negligenza dei sovrani Gentili per raddoppiare e triplicare il denaro imprestato da noi ai loro governi e del quale in realtà non abbisognavano. Chi potrebbe fare altrettanto a noi? Quindi mi occuperò soltanto dei prestiti all'interno.

Quando il governo annunzia un prestito di questo genere, apre una sottoscrizione per i certificati relativi. Questi, perché siano alla portata di tutte le borse, saranno di tagli piccolissimi. I primi sottoscrittori possono comprare sotto alla pari. Il giorno seguente il prezzo dei titoli viene alzato, per dare l'impressione che tutti desiderano comprarli.

Nel corso di pochi giorni le casseforti dell'erario sono colme con tutto denaro che è stato sottoscritto in più. (Perché continuare ad accettare denaro per un prestito già soverchiamente sottoscritto?). La sottoscrizione ha evidentemente sorpassato di molto la somma richiesta; in questo consiste tutto il risultato; evidentemente il pubblico ha fiducia nel governo.

Ma quando la commedia è finita, rimane il fatto che vi è un grosso debito, e che per pagarne gli interessi il governo deve ricorrere ad un nuovo prestito, il quale alla sua volta non annulla il debito dello Stato; ma anzi lo aumenta. Quando la capacità governativa di prendere in prestito è esaurita, gli interessi dei nuovi prestiti debbono essere pagati con nuove tasse; le quali non sono altro che nuovi debiti contratti per coprirne altri.

Allora viene il periodo di conversione dei prestiti; ma dette conversioni non fanno che diminuire la quantità dell'interesse da pagare, senza cancellare il debito. Inoltre si possono fare solamente col consenso dei creditori. I Governi quando danno l'avviso di queste conversioni, accordano ai creditori il diritto di accettarle, o di essere rimborsati dei loro denari se non desiderano di accettarle; ma se ognuno reclamasse il proprio denaro, i Governi sarebbero presi nella propria rete e non potrebbero rimborsare tutto il denaro. Fortunatamente i sudditi dei governi Gentili non si intendono molto di finanza, ed hanno sempre preferito di subire un ribasso nel valore dei loro titoli ed una diminuzione di interessi, piuttosto che rischiare un nuovo investimento. Così hanno spesse volte dato la possibilità ai loro governi di sbarazzarsi di un debito, che probabilmente ammontava a parecchi milioni.

I Gentili non oserebbero fare una cosa simile con i prestiti all'estero, ben sapendo che in tal caso noi tutti richiederemo il rimborso del nostro denaro.

Con un'azione simile il governo dichiarerebbe apertamente il suo fallimento, e ciò dimostrerebbe chiaramente al popolo che i suoi interessi non hanno nulla di comune con quelli del suo governo.

Desidero di fermare la vostra attenzione in modo speciale su quanto ho detto, ed anche sul seguente fatto, che attualmente tutti i prestiti all'interno sono consolidati dai cosidetti prestiti temporanei; vale a dire, da debiti a breve scadenza, formati dal denaro depositato nelle Banche dello Stato e nelle Casse di Risparmio. Questo denaro, essendo a disposizione del Governo per un periodo di tempo considerevole, serve a pagare gli interessi dei prestiti all'estero, ed il Governo deposita nelle Banche, invece di esso, dei titoli di Stato, i quali coprono tutti i deficit nelle casseforti statali dei Gentili.

Quando il nostro sovrano sarà sul suo trono mondiale, tutte queste scaltre operazioni finanziarie svaniranno. Distruggeremo il mercato dei valori pubblici, perché non permetteremo che il nostro prestigio sia scosso dal rialzo e ribasso dei nostri titoli, il cui valore sarà stabilito per legge alla pari, senza possibilità alcuna di qualsiasi variazione di prezzo. Il rialzo origina il ribasso, ed è per mezzo dei rialzi che abbiamo cominciato a discreditare i titoli pubblici dei Gentili.

Alle Borse sostituiremo enormi organizzazioni governative, che avranno il dovere di tassare le imprese commerciali in quel modo che il governo crederà opportuno. Queste istituzioni saranno in grado di gettare sul mercato milioni e milioni di azioni commerciali, o di comperarle in un sol giorno. Quindi tutte le imprese commerciali dipenderanno da noi, e vi potete immaginare quale forza sarà la nostra.













PROTOCOLLO XXII




Con tutto quello che ho detto sino ad ora, ho cercato di farvi un quadro dal vero del mistero degli avvenimenti attuali nonché dei passati, i quali scorrono tutti nel fiume del destino, e se ne vedranno le conseguenze nel futuro prossimo. Vi ho mostrato i nostri piani segreti, per mezzo dei quali agiamo sui Gentili, nonché la nostra politica finanziaria: devo aggiungere ancora solo poche parole.

Nelle nostre mani è concentrata la più grande potenza del momento attuale, vale a dire la potenza dell'oro. In due soli giorni possiamo estrarre qualsiasi somma dai depositi segreti dei nostri tesori.

È ancora necessario per noi di provare che il nostro regno è voluto da Dio? È possibile che, possedendo così vaste ricchezze, non riusciamo a dimostrare che tutto l'oro da noi ammassato in tanti secoli, non aiuterà la nostra vera causa per il bene, cioè per il ripristinamento dell'ordine sotto il nostro regime? Forse bisognerà ricorrere in certa misura alla violenza; ma tale ordine sarà certamente ristabilito. Dimostreremo di essere i benefattori che hanno restituito la libertà e la pace al mondo torturato. Offriremo al mondo questa possibilità di pace e di libertà, ma certamente ad una condizione sola, e cioè che il mondo aderisca strettamente alle nostre leggi. Inoltre faremo chiaramente comprendere a tutti, che la libertà non consiste nella dissolutezza, né nel diritto di fare ciò che si vuole. Dimostreremo pure che né la posizione, né il potere, dànno ad un uomo il diritto di propugnare principi perniciosi, come ad esempio la libertà di religione, l'uguaglianza, o idee simili. Renderemo inoltre ben chiaro, che la libertà individuale non dà il diritto a chicchessia di eccitarsi o di eccitare altri facendo dei discorsi ridicoli alle masse turbolenti. Insegneremo al mondo che la vera libertà consiste unicamente nell'inviolabilità di persona, di domicilio e di proprietà per chiunque aderisce onestamente a tutte le leggi della vita sociale. Insegneremo che la posizione di un uomo sarà in relazione al concetto che egli ha dei diritti altrui, e che la sua dignità personale deve vietargli fantasticherie circa sé stesso.

La nostra potenza sarà gloriosa, perché sarà immensa e regnerà e guiderà e certamente non darà ascolto ai caporioni popolari, o a qualunque altro oratore vociferante parole insensate alle quali si attribuisce l'altosonante titolo di "principii elevati", mentre non sono altro che utopie. La nostra potenza sarà l'organizzatrice dell'ordine in cui consiste la felicità dei popoli. Il prestigio di questa potenza sarà tale, che avrà l'adorazione mistica, nonché la soggezione di tutte le nazioni. Una potenza vera non si piega ad alcun diritto, neanche a quello di Dio. Nessuno oserà avvicinarsi ad essa allo scopo di toglierle sia pure un briciolo della sua forza.













PROTOCOLLO XXIII




Perché il popolo si abitui all'ubbidienza, deve essere educato alla modestia e alla moderazione; quindi diminuiremo la produzione degli oggetti di lusso. Con questi mezzi introdurremo per forza la moralità, che ora viene corrotta dalla continua rivalità nel campo del lusso. Patrocineremo le industrie casalinghe, per danneggiare le fabbriche private. La necessità di tali riforme è anche nel fatto che i padroni di grandi fabbriche private spesse volte incitano, forse anche inconsciamente, i loro operai contro il governo.

La popolazione impiegata nelle industrie locali non conosce il significato delle parole: "senzalavoro" ; e questo fa sì che essa è attaccata al regime esistente e la invoglia ad appoggiare il governo. La disoccupazione è il più grande pericolo per il Governo; essa avrà servito al nostro scopo appena, per mezzo suo, saremo giunti al potere.

L'ubriachezza sarà pure proibita e considerata un delitto contro l'umanità e come tale punita, perché sotto l'influenza dell'alcool l'uomo somiglia alla bestia.

Le nazioni si sottomettono ciecamente soltanto ad una potenza forte che sia totalmente indipendente da esse e nelle cui mani esse vedano scintillare una spada che serva come arma di difesa contro tutte le insurrezioni sociali. Perché dovrebbero desiderare che il loro sovrano abbia l'anima di un angelo? Anzi, esse devono vedere in lui la personificazione della forza e della potenza. Deve sorgere un regnante che sostituisca i governi esistenti, viventi sopra una folla che abbiamo demoralizzato colle fiamme della anarchia. Questo regnante dovrà anzitutto spegnere queste fiamme, che senza tregua sprizzano da ogni lato. Per raggiungere questo scopo, egli dovrà distruggere tutte le società che possono dar origine a queste fiamme, anche a costo di versare il suo proprio sangue. Egli dovrà costituire un esercito bene organizzato, che lotterà energicamente contro l'infezione anarchica che può avvelenare il corpo del governo.

Il nostro Sovrano sarà prescelto da Dio e consacrato dall'alto allo scopo di distruggere tutte le idee influenzate dall'istinto e non dalla ragione, da principî brutali e non dall'umanità. Al momento attuale questi concetti prevalgono con grande successo, e le conseguenze sono i furti e la violenza compiuti sotto lo stendardo del diritto e della libertà.

Queste idee hanno distrutto tutte le organizzazioni sociali, conducendo così al regno del Re di Israele. Ma la loro azione nefasta sarà finita appena il regno del nostro Sovrano comincerà. Allora le spazzeremo via tutte, perché sulla strada del nostro Sovrano non possa esservi del fango.

Allora potremo dire alla nazione: "Pregate Iddio e prosternatevi a Colui che porta il segno della predestinazione del mondo, di Cui Iddio in persona ha guidato la stella affinché nessuno fuorché Lui potesse liberare l'umanità da ogni peccato".
















PROTOCOLLO XXIV




Ora parlerò del mezzo di cui ci serviremo per rafforzare la dinastia del Re Davide, affinché essa possa durare fino al giorno del giudizio finale.

Il nostro modo di render sicura la dinastia consisterà, in massima, nell'applicazione dei medesimi principii che hanno posto il maneggio degli affari del mondo nelle mani dei nostri savi; cioè la direzione e l'educazione dell'intera razza umana. Diversi membri del seme di David prepareranno i Re ed i loro Successori, i quali saranno eletti non per diritto ereditario, ma per la loro capacità individuale. Questi successori saranno iniziati ai nostri misteri segreti politici ed ai nostri piani di governo avendo massima cura perché nessun altro possa averne conoscenza.

Queste misure saranno necessarie perché tutti sappiano che sono degni di regnare solamente gli iniziati ai misteri dell'alta politica. Solo a tali uomini sarà insegnata l'applicazione pratica dei nostri piani, servendosi dell'esperienza di molti secoli. Saranno iniziati alle conclusioni dedotte dalle osservazioni sul nostro sistema politico ed economico, nonché a tutte le scienze sociali. Insomma, apprenderanno il vero spirito delle leggi che sono state stabilite dalla natura stessa per governare l'umanità.

I successori diretti del Sovrano saranno scartati, se durante la loro educazione daranno prova di essere frivoli o di cuore mite, oppure qualora mostrino qualche altra tendenza che potrebbe essere deleteria al loro potere, che potrebbe renderli incapaci di governare, o anche essere pericolosa al prestigio della corona.

Solamente agli uomini capaci di governare con fermezza, benché forse con crudeltà, saranno affidate le redini del governo dai nostri anziani.

In caso di malattia, o di perdita di energia, il nostro Sovrano sarà costretto a cedere le redini del governo a quelli della sua famiglia che avranno dimostrato di essere più capaci di lui. I progetti immediati del Re, e tanto più quelli per il futuro, non saranno conosciuti neanche dai suoi più intimi Consiglieri. Solamente il nostro Sovrano ed i Tre che lo avranno iniziato, conosceranno il futuro. Nella persona del Sovrano, che regnerà con una volontà incrollabile, controllando sé stesso come l'umanità, il popolo vedrà - per così dire - il destino personificato e le sue vie umane. Nessuno conoscerà i fini dei Sovrano quando emetterà i suoi ordini, quindi nessuno oserà ostacolare il suo misterioso cammino.

S'intende che il Sovrano dovrà essere capace di eseguire i nostri piani. Quindi non salirà al trono fino a che la sua intelligenza non sia stata accertata dai nostri savi.

Perché tutti i sudditi amino e venerino il loro Sovrano, egli dovrà spesso parlare in pubblico. Questo farà armonizzare le due potenze, vale a dire, quella della popolazione e quella del regnante, che abbiamo scisso nei paesi gentili, facendo sì che si temessero vicendevolmente questo noi facemmo perché queste due potenze, una volta scisse, cadessero sotto la nostra influenza.

Il Re di Israele non deve essere sotto l'influenza delle sue passioni e specialmente di quelle dei sensi. Egli non deve permettere agli istinti animali di avere il sopravvento sullo spirito. La sensualità, più di qualunque altra passione, distrugge sicuramente tutte le forze mentali e di preveggenza; essa distrae il pensiero degli uomini verso il lato peggiore della natura umana.

Il Sostegno dell'Universo nella persona del Regnante Mondiale, germogliato dal Seme Santo di Davide, deve rinunciare a tutte le passioni personali per il bene del suo popolo.

Il nostro Sovrano deve essere irreprensibile.




Firmato dai rappresentanti di Sion
del 33° grado.










EPILOGO DI SERGYEI NILUS




Questi appunti furono tolti clandestinamente da un grande libro di appunti per conferenze. Il mio amico li trovò nella cassaforte del quartiere generale della società di Sionne che attualmente è in Francia.

La Francia obbligò la Turchia a concedere vari privilegi alle scuole ed alle istituzioni religiose di tutte le denominazioni, che saranno sotto il protettorato del corpo diplomatico francese in Asia Minore. Naturalmente non sono comprese in queste le scuole e le istituzioni cattoliche, che furono espulse dalla Francia dai governi passati. Questo fatto dimostra semplicemente che la diplomazia della scuola di Dreyfus si preoccupa solamente di proteggere gli interessi di Sionne e lavora per la colonizzazione dell'Asia Minore per mezzo di Ebrei francesi. Gli Ebrei hanno sempre saputo raggiungere l'intento per mezzo di coloro che il Talmud chiama i loro "bruti lavoratori": parole che indicano i Gentili in genere.

Secondo gli archivi del Sionismo ebraico segreto, Salomone ed altri dotti Ebrei, già sin dal 929 avanti Cristo studiarono in teoria un progetto per la conquista pacifica dell'intero universo da parte di Sionne. Mentre la storia si svolgeva, questo progetto fu studiato in tutti i suoi particolari e completato da uomini che erano successivamente iniziati a questo problema. Questi sapienti decisero di conquistare il mondo per Sionne adoperando mezzi pacifici, e cioè coll'astuzia del serpente simbolico, la cui testa doveva rappresentare gli iniziati ai piani dell'Amministrazione Giudaica, ed il corpo il popolo ebraico. L'amministrazione fu sempre tenuta segreta, persino alla stessa nazione ebraica.

Questo serpente, penetrando a mano a mano nel cuore delle nazioni che incontrava, scalzò e divorò tutto il potere non Ebraico di questi Stati. È predetto che il serpente deve continuare il suo lavoro seguendo strettamente il piano prestabilito, fino a che il cammino che deve percorrere non sia chiuso col ritorno del suo capo a Sionne, finché, con questo mezzo, il serpente non abbia completato il suo anello intorno all'Europa, e - dopo aver incatenato l'Europa - non abbia accerchiato il mondo intero. Questo compito deve condurre a termine sforzandosi di soggiogare gli altri paesi con la conquista economica. Il ritorno della testa del serpente a Sionne può aver luogo solennemente quando il potere di tutti i Sovrani dell'Europa sia stato abbattuto; vale a dire quando, per mezzo di crisi economiche e di distruzioni in massa, effettuate ovunque, sarà avvenuta la demoralizzazione spirituale e la corruzione morale, principalmente coll'aiuto di donne ebree, truccate da francesi, italiane, spagnuole. Queste sono le più sicure spargitrici di libertinaggio nella vita degli uomini più in vista ed alla testa delle nazioni.

Le donne che sono al servizio di Sionne servono da attrattiva a coloro che, grazie ad esse, hanno sempre bisogno di denaro, e quindi sono sempre pronti a vendersi per denaro, che in realtà è solo imprestato dagli ebrei, perché ritorna, attraverso le stesse donne, nelle mani dei giudaismo corruttore. Ma mediante queste transazioni, esso acquista schiavi per la sua causa.

È naturale che per la riuscita di un'impresa simile né i funzionarii pubblici, né gli individui privati, debbano sospettare la parte rappresentata dalle donne impiegate dal Ghetto. Perché i direttori della causa di Sionne formarono una specie di casta religiosa, costituita da ardenti seguaci della legge mosaica e degli statuti del Talmud. Tutto il mondo credette che la maschera della legge di Mosè fosse la vera regola di vita degli Ebrei. Nessuno pensò di indagare gli effetti di questa regola di vita, specialmente perché tutti gli occhi erano rivolti all'oro che la casta poteva provvedere e che le dava la più assoluta libertà per intrigare economicamente e politicamente.

Un abbozzo del percorso del serpente simbolico è il seguente: La sua prima tappa in Europa avvenne nel 429 avanti Cristo, in Grecia, dove, all'epoca di Pericle, il serpente cominciò a divorare la potenza di quel paese. La seconda fu a Roma, al tempo di Augusto, circa l'anno 69 a. C. La terza a Madrid, al tempo di Carlo quinto, nel 1552. La quarta a Parigi, nel 1700 circa, al tempo di Luigi XIV. La quinta a Londra dal 1814 in poi (dopo la caduta di Napoleone). La sesta a Berlino, nel 1871, dopo la guerra Franco Prussiana. La settima a Pietroburgo, su cui è disegnata la testa del serpente con la data 1881.

Tutti questi Stati che il serpente ha attraversato, sono stati scossi nelle fondamenta delle loro costituzioni, non eccettuato la Germania, malgrado la sua apparente potenza. Le condizioni economiche dell'Inghilterra e della Germania sono state risparmiate, ma solo fino a quando il serpente non sarà riuscito a conquistare la Russia, contro la quale tutti i suoi sforzi sono concentrati attualmente (1905). La corsa futura del serpente non è segnata su questa carta, ma delle freccie ci indicano il suo prossimo movimento verso Mosca, Kieff e Odessa.

Sappiamo ora perfettamente che queste ultime città costituiscono i centri della razza Ebraica militante.

Su questa carta Costantinopoli è segnata come l'ultima tappa del corso del serpente, prima che esso raggiunga Gerusalemme [Notate che questa carta fu disegnata molti anni prima della Rivoluzione in Turchia. (Nota del T. inglese)].

Il serpente deve percorrere ancora un breve cammino per completare il suo corso, unendo la sua testa alla sua coda.

Per facilitare il corso del serpente, Sionne prese le seguenti misure, allo scopo di rimodellare la società e di convertire le classi operaie. Anzitutto la razza Ebraica fu organizzata in maniera tale, che nessuno vi potesse entrare e quindi svelarne i segreti. Viene presupposto che Iddio stesso abbia detto agli Ebrei che essi sono destinati a governare su tutta la terra in forma di un Regno indivisibile di Sionne. È stato insegnato agli Ebrei, che essi sono la sola razza meritevole di essere chiamata umana, tutte le altre essendo destinate a rimanere "bestie da lavoro" e schiavi degli Ebrei e che lo scopo ebraico deve essere la conquista del mondo e l'erezione del Trono di Sionne sull'universo (Cfr. Sanh. 91, 21, 1051).

A gli Ebrei venne insegnato che sono dei Super uomini e che si devono mantenere distinti dalle altre nazioni. Queste teorie ispirò ad essi il concetto dell'autoglorificazione perché, per diritto, sono i figli di Dio. (Cfr. Jihal, 67, I; Sanh. 58, 2).

La razza ebraica, vivendo separata dalle altre, aderisce strettamente al sistema del "Kaghal", il quale fa obbligo ad ogni Ebreo di aiutare i suoi consanguinei indipendentemente dall'assistenza che costoro ricevono dalle amministrazioni locali di Sion che portano diversi nomi: Kaghal, Concistori, Commissioni d'affari ebraici, Uffici per esazioni di tasse ecc. Tutte queste amministrazioni servono a mascherare il governo di Sionne agli occhi dei governi di quegli Stati Gentili, che alla loro volta difendono sempre vigorosamente il diritto degli Ebrei di governarsi da sé, perché li considerano erroneamente come una comunità puramente religiosa. Le suddette idee instillate negli Ebrei, ne hanno anche considerevolmente influenzato la vita materiale.

Quando leggiamo delle opere come il "Gobayon" 14, pag. 1; "Eben Gaizar", 44, pag. 81; "XXXVI Ebamot", 98; "XXV Ketubat" 36; "XXXIV Sanudrip" 746; "XXX Kadushin", 68 A - che furono tutte scritte coll'intento di glorificare la razza ebraica vediamo che esse trattano realmente tutti i Gentili come se fossero delle bestie, create unicamente per servire gli Ebrei. Costoro credono che i popoli, le proprietà di essi e persino le loro vite, appartengono agli Ebrei e che Iddio permette alla sua razza prediletta di farne l'uso che vuole.

Secondo le leggi ebraiche, tutti i maltrattamenti fatti subire ai Gentili son perdonati nel giorno del Capodanno ebraico, nel quale gli Ebrei ricevono anche il permesso di peccare nello stesso modo durante l'anno entrante.

Per eccitare l'odio dei loro contro tutti i Gentili, i capi degli Ebrei agiscono da "agenti provocatori" durante le agitazioni antisemitiche, permettendo ai Gentili di scoprire alcuni dei segreti del Talmud. Le manifestazioni antisemitiche furono anche molto utili ai caporioni Ebrei, perché destarono compassione nel cuore di alcuni Gentili verso un popolo il quale, apparentemente, veniva maltrattato. Ciò servì ad accaparrare conseguentemente molte simpatie tra i Gentili per la causa di Sionne.

L'antisemitismo, che si manifestò con la persecuzione degli Ebrei di basso ceto, ne aiutò i capi a controllarli e tenerli in suggezione. Essi potevano permettere queste persecuzioni, perché al momento opportuno intervenivano e salvavano i loro correligionari. Notate che i capi Ebrei non soffrirono mai, né nei loro progressi, né nelle loro posizioni ufficiali di amministratori, durante le agitazioni antisemitiche. Questo fatto non deve far meraviglia, perché furono questi stessi capi che aizzarono i "mastini cristiani" contro gli Ebrei più umili. I mastini mantenevano l'ordine nelle loro greggi e perciò aiutavano a rafforzare la stabilità di Sionne.

Secondo la loro opinione, gli Ebrei hanno già raggiunto la posizione di Super-governo mondiale ed ora si tolgono la maschera. Naturalmente, la maggior forza di conquista degli Ebrei era costituita dal loro oro; pertanto essi non dovevano far altro che lavorare per dargli un valore. L'alto valore dell'oro dipende specialmente dal fatto che la moneta d'oro regola tutti gli scambi. La sua accumulazione nelle mani degli Ebrei dipende dal fatto che essi hanno saputo approfittare di qualunque crisi internazionale per monopolizzarlo. Di questo si ha la prova nella storia della famiglia Rothschild, pubblicata a Parigi dalla "Libre Parole".

Per mezzo di queste crisi, fu stabilita la potenza del capitalismo sotto lo stendardo del liberalismo, proteggendolo con teorie economiche e sociali astutamente congegnate. Gli Anziani di Sion ottennero un successo straordinario dando un'apparenza scientifica a queste teorie.

Il sistema degli scrutinii di voto conferisce sempre agli Ebrei la possibilità di introdurre, per mezzo della corruzione, quelle leggi che possono essere utili allo scopo loro. La forma di governo dei Gentili che più corrisponde ai desideri degli Ebrei è la repubblicana, perché dove essa vige, riescono con più facilità a comperarsi una maggioranza. Inoltre il sistema repubblicano conferisce una libertà sconfinata ai loro agenti ed all'esercito di anarchici che hanno al loro soldo. Questo è il motivo per cui gli Ebrei sono così ardenti sostenitori del liberalismo; ed i Gentili sciocchi, che essi abbindolano, ignorano il fatto, già così evidente, che sotto una repubblica non vi è maggiore libertà che sotto un'autocrazia, anzi si verifica il contrario, perché avviene che i pochi sono oppressi dalla plebe la quale è sempre istigata dagli agenti degli Ebrei.

Secondo il testamento di Montefiore, Sionne non risparmia, né denaro, né mezzi, per riuscire a questi intenti. Ogni giorno i governi di tutto il mondo, incoscientemente, o scientemente, sono soggetti ai comandi di quel grande Super-governo che è Sionne, perché tutte le loro cartelle di rendita sono nelle mani degli Ebrei e tutti i paesi sono talmente in debito con essi, da non potersene mai liberare. Tutto il commercio, l'industria, come pure la diplomazia, sono in mano degli Ebrei. Per mezzo dei suoi capitali il Ghetto ha rese schiave tutte le nazioni dei Gentili. A forza di un'educazione materialistica intensiva, gli Ebrei misero delle pesanti catene a tutti i Gentili e con queste li legarono al loro Supergoverno.

La fine delle libertà nazionali è prossima, e quindi anche la libertà individuale cesserà, perché la vera libertà non può esistere dove la leva del denaro rende possibile al Ghetto di governare la plebe e di regnare sulla parte più degna e più responsabile della comunità.

….. "Coloro che hanno orecchi ascoltino"!


- - - - -




Fra poco saranno quattro anni che i "Protocolli degli Anziani di Sion" sono in mio possesso. Dio solo sa quanto sono stati numerosi gli sforzi che ho fatto per portarli alla luce, ed anche per mettere in guardia coloro che sono al potere rivelando loro le cause della tempesta che si addensa sulla Russia apatica, la quale, disgraziatamente, sembra che abbia perso la conoscenza di ciò che le sta succedendo intorno.

Solamente ora, e temo che sia troppo tardi, sono riuscito a pubblicare il mio lavoro, nella speranza che potrò mettere sull'avviso coloro che ancora hanno orecchi per sentire ed occhi per vedere.

Non vi può essere alcun dubbio. Con tutta la potenza ed il terrore di Satana, il regno del Re trionfatore di Israel si avvicina al nostro mondo non rigenerato; il Re nato dal sangue di Sionne, l'Anti Cristo, si avvicina al trono della potenza universale.

Gli eventi nel mondo precipitano con vertiginosa velocità, i dissensi, le guerre, i rumori, le carestie, l'epidemie, gli sconquassi, tutto ciò che fino a ieri era impossibile, oggi è compiuto. I giorni volano, per così dire, a vantaggio del popolo prescelto. Non ho il tempo di esaminare minuziosamente la storia dell'umanità dal punto di vista dei "misteri di iniquità" che sono già stati messi a nudo, per dimostrare storicamente l'influenza nefasta che gli "Anziani di Israele" hanno avuto sulle disgrazie dell'umanità; mi manca anche il tempo di predire il prossimo destino del genere umano e di svelare l'atto finale della tragedia mondiale.

La luce di Cristo solamente, e quella della Sua Santa Chiesa Universale, possono penetrare negli abissi Satanici e svelarne tutta l'estensione malvagia.

Nel mio cuore sento che l'ora è suonata per convocare l'ottavo Consiglio Ecumenico, nel quale, dimentichi delle contese che li hanno divisi per tanti secoli, si raccoglieranno i pastori e i rappresentanti dell'intero Cristianesimo per affrontare la venuta dell'Anticristo.




FINE